Fin dai tempi più antichi l’umanità ha creato miti e leggende per spiegare l’origine del mondo e i fenomeni che lo perturbavano. Miti che spesso erano popolati di varie divinità, sia maschili che femminili. Il più delle volte, però, oggi ci si ricorda dei primi, dimenticando i nomi di dee femminili molto importanti, che avevano un ruolo fondamentale nella mitologia delle antiche civiltà.

Oggi nessuno più crede in quei miti, certo, o in quegli dei. E però l’importanza di quelle leggende non è stata cancellata, così come non è scomparso il desiderio di immaginare figure sovrumane, che possano incarnare in qualche modo le nostre speranze.

Le principali divinità greche rappresentate da Raffaello e dalla sua scuola nella Loggia di Psiche a Roma, nella Villa Farnesina
Un desiderio che si ritrova, ad esempio, perfino nel successo dei supereroi a fumetti, divinità moderne che affascinano ancora la nostra fantasia. E anche in questo caso le figure femminili – pur presenti: basti pensare a Wonder Woman1 – vengono spesso dimenticate in favore di quelle maschili.

Alla scoperta di tutti i nomi di dee più famosi

Oggi vogliamo in un certo senso correre ai ripari, almeno per quanto riguarda la mitologia, recuperando la memoria delle più importanti dee di varie civiltà. Qui di seguito, infatti, troverete i nomi delle divinità femminili più famose della storia greca, romana, etrusca, egizia, nordica e indù.

L’idea è infatti quella di fornire una panoramica non certo esaustiva, ma comunque interessante di come l’umanità, in ogni sua forma, abbia cercato riparo e protezione in alcune figure femminili. E di come in alcuni casi ne sia stata anche angosciata, visto che alcune di queste dee erano letteralmente terribili.

Scorrete dunque l’elenco, scoprendone le particolarità, e votate, se volete, le vostre dee preferite.

Se poi volete approfondire l’argomento, potete leggere questi nostri articoli al riguardo:
Tutti i nomi delle dee greche maggiori
Cinque importanti divinità induiste


Vieni a votare anche nei nostri altri sondaggi

 

Note e approfondimenti