Gli amanti dei cani sembrano assomigliarsi tutti, ma in realtà sono molto diversi. Si dividono in vere e proprie fazioni, a seconda dei gusti e delle esperienze personali. C’è infatti chi ama una certa razza, perché effettivamente ha dato molte soddisfazioni, e chi invece ne apprezza una completamente diversa. Ma poi ci sono anche gli amanti dei cani grandi e quelli dei cani piccoli.

Oggi ci vogliamo concentrare proprio sui primi. I cani grandi, infatti, hanno pregi e difetti tutti particolari, che li rendono una categoria a sé stante.

Sono voluminosi e difficili da gestire, soprattutto quando si vive in città, in spazi magari non particolarmente ampi. Hanno varie esigenze e possono incappare, a causa della loro stazza, anche in alcuni problemi di salute. Sono però anche dei cani che, a seconda delle razze, mostrano qualità spesso difficili da riscontrare in animali più piccoli.

Un bell'esemplare di San Bernardo, uno dei più famosi cani grandi (foto di Alberto Carrasco Casado via Flickr)
Un bell’esemplare di San Bernardo, uno dei più famosi cani di grossa taglia (foto di Alberto Carrasco Casado via Flickr)

Ce ne sono da difesa, capaci di proteggere il loro padrone davanti a qualsiasi minaccia. Ce ne sono anche di molto intelligenti, in grado di comprendere le situazioni e di aiutare a risolverle. Quali sono però i migliori?

I criteri per essere considerati “cani grandi”

Per affrontare questa domanda bisogna prima di tutto capire quali siano i criteri per stabilire cosa sia un cane “grande”. In questo caso non esiste infatti una regola unica e condivisa. Generalmente, ci si basa comunque sul peso: una razza canina è ritenuta di grande stazza quando supera i 50 chili di peso.

Un alano in tutta la sua lunghezzaGeneralmente questi cani, proprio grazie alla loro voluminosità, tendono ad essere meno impauriti dagli altri. Così, risultano di solito più aperti all’incontro con le persone e mantengono più facilmente la calma.

Sono anche dei bravi lavoratori, capaci di sopportare fatiche di un certo livello. Nonostante questo, non hanno bisogno di fare grande esercizio fisico, visto che la loro razza garantisce già, per natura, uno sviluppo generalmente armonioso.

Il problema vero, semmai, sono i costi. Cani di grossa stazza richiedono spese ingenti in cibo, e anche tutti gli altri costi – giochi, salute, alloggiamento – aumentano di conseguenza.

Nel Guinness dei Primati, il cane che vanta il peso maggiore di sempre è un certo Benedictine, un San Bernardo che sarebbe arrivato a pesare ben 161 chili1. Molte altre sono, comunque, le razze che possono rientrare in questa categoria, e le elenchiamo qui di seguito. Diteci però quali sono le cinque che preferite.

Nell’immagine di copertina potete ammirare un esemplare di cane Komondor (foto di Kari via Wikimedia Commons).

Se poi volete approfondire l’argomento, potete leggere questi nostri articoli al riguardo:
Cinque bellissimi cani di grossa taglia
Cinque cani piccolissimi ma molto belli


Vieni a votare anche nei nostri altri sondaggi

 

Note e approfondimenti

  • 1 Qui qualche altra informazione in merito.