Cinque bellissime spiagge del Montenegro

La particolarissima isola di Sveti Nikola, in Montenegro (foto di Bratislav Tabaš via Wikimedia Commons)
La particolarissima isola di Sveti Nikola, in Montenegro (foto di Bratislav Tabaš via Wikimedia Commons)

Avete presente il mare della Puglia? Una meraviglia, vero? Ecco. Sappiate che durante l’estate moltissimi pugliesi abbandonano i propri lidi per approdare dall’altra parte dell’Adriatico: in Montenegro. Se il Gargano è troppo affollato, la Croazia ormai è diventata troppo commerciale, la riviera romagnola troppo discotecara, la Sardegna troppo cara, Ibiza troppo giovane, sappiate che a pochi chilometri in linea d’aria dall’Italia si estendono spiagge meravigliose, a volte quasi deserte pure sotto Ferragosto, vicino a cittadine spettacolari, con una cultura enogastronomica di tutto rispetto, la possibilità di escursioni naturalistiche eccellenti e un debole per la movida notturna che non vi farà rimpiangere Rimini.

Il Montenegro sta investendo molto per lanciarsi come meta turistica e fare concorrenza alla Croazia, erodendo visitatori e vacanzieri attenti al budget ma anche al mare limpido e cristallino. Fino al 2 giugno 2006 la Repubblica del Montenegro è stata unita alla Repubblica di Serbia con il nome di Serbia e Montenegro. Dal 3 giugno 2006 il Montenegro è diventato uno Stato indipendente. Si parla principalmente serbo, la moneta circolante è l’Euro e come grandezza potrebbe somigliare all’Abruzzo. Si passa dalle aspre cime della catena del Durmitor, dove d’inverno si scia che è una meraviglia, alle frastagliate coste, passando per l’area umida del lago di Scutari, al confine con l’Albania. Ma visto che ormai andiamo galoppando verso l’estate, in questa cinquina vi parlerò delle spiagge più belle. Così, se quest’anno volete sperimentare una meta alternativa, qui potrete trovare qualche suggerimento.


Leggi anche: Cinque città da visitare in Croazia che vi sorprenderanno

In Montenegro troviamo spiagge molto più lunghe e meno frastagliate che in Croazia. Il fatto che di fronte alla costa non ci sia quella costellazione di isole che ha la sua vicina di casa fa sì che il mare sia più mosso, le coste esposte a maggior erosione e dunque il litorale sia più sabbioso.

Le scogliere sono più scure che in Croazia, quindi lo sono anche ciottoli e la ghiaia. Il colore delle spiagge è principalmente bruno: a parità di pulizia il colore del mare diventa più scuro e con sfumature verde bottiglia, più che azzurre.

 

Boka Kotorska

Le Bocche di Cattaro, uno dei fiordi più belli del Mediterraneo, patrimonio dell’Unesco

Una bella veduta delle Bocche di Cattaro, forse la meta turistica più importante del Montenegro (foto di Ggia via Wikimedia Commons)
Una bella veduta delle Bocche di Cattaro, forse la meta turistica più importante del Montenegro (foto di Ggia via Wikimedia Commons)

Le Bocche di Cattaro rappresentano una delle meraviglie naturali dell’area Mediterranea grazie alla bellezza del paesaggio e alla ricchezza biologica e alla forte eredità storica e antropologica. La regione è circondata da alte montagne che raggiungono i 1895 metri del Monte Orjen. La particolarità della conformazione geologica, unita ad una sorprendente varietà climatica, spiegano la ricchezza della fauna e della flora, spesso caratterizzate da specie endemiche.

La bellezza della zona ha affascinato scrittori famosi come Marguerite Yourcenar, George Bernard Shaw e Lord Byron. Artisti di tutto il mondo le hanno attribuito appellativi come “La sposa del Mare Adriatico”, “La fata del Mare”, “Il golfo più bello del mondo”, “La bella bocca del Mediterraneo”. Nessuno però è in grado di descrivere la struggente bellezza che si presenta al visitatore, che fece scrivere al poeta Ljuba Nenadovic: «Mi sembra strano che il sole possa tramontare su tale bellezza».

Le Bocche di Cattaro, che penetrano per 28 chilometri la costa, costituiscono una simbiosi armonica tra vari ambienti naturali e un ricco patrimonio artistico: rappresentano il più grande fiordo del Mediterraneo ed anche il più bello. Circondata dai pendii dei monti Lovćen e Vrmac e dal Parco Nazionale di Lovćen e Orjen, l’area comprende 12.000 ettari, di cui 2.600 ricoperti dalle acque del mare.

 

Sveti Nikola

L’isola hawaiana dell’Adriatico, di fronte alla meravigliosa Budva

La particolarissima isola di Sveti Nikola, in Montenegro (foto di Bratislav Tabaš via Wikimedia Commons)
La particolarissima isola di Sveti Nikola, in Montenegro (foto di Bratislav Tabaš via Wikimedia Commons)

Sveti Nikola, o San Nicola, è un’isola deserta raggiungibile da Budva in taxi boat in 5 minuti a circa 5 euro andata e ritorno. Un posto fantastico e indescrivibile con acque cristalline e piene di pesci. La spiaggia è rocciosa da una parte e con grossi ciottoli dall’altra.

All’interno ci sono i resti dell’antico convento e della chiesa. Ci sono ristoranti e bar all’aperto, che, durante il giorno, sono un posto ideale per il rinfresco e per il bagno e, durante la notte, si trasformano in una discoteca.

 

Milocer

Nota per le sue sabbie rosa

Villa Miločer (foto di Pear Blossom via Wikimedia Commons)
Villa Miločer (foto di Pear Blossom via Wikimedia Commons)

A 5 chilometri da Budva, Milocer è una nota località balneare, a breve distanza anche da Sveti Stefan, che vanta bellissime spiagge di sabbia fine e rosa e un giardino botanico di 18 ettari con rari alberi esotici e piante mediterranee.


Leggi anche: Cinque ricette tipiche dell’ex Jugoslavia

 

Drobni Pijesak

Benvenuti ai Caraibi!

Il caraibico litorale di Drobni Pijesak (foto di anjči via Flickr)
Il caraibico litorale di Drobni Pijesak (foto di anjči via Flickr)

Vi avevo detto che tutte le spiagge montenegrine hanno un fondale più scuro e l’acqua verde? Ecco l’eccezione. Drobni Pijesak è caraibica. Siamo sempre a Budva, ma in direzione Pertovac si trova questa spiaggia “segreta”, tra le più belle di tutta la costa montenegrina. È accessibile solo via mare, visto che si tratta di una baia nascosta da fitti uliveti. Il nome significa “Sabbia in polvere”, ma in realtà è fatta di ciottolini bianchi come la neve, anche se vista da lontano può sembrare sabbia. Il mare è cristallino, dalle mille sfumature di azzurro.

 

Kraljicina Plaza

La spiaggia della Regina, nei pressi di Bar

Kraljicina Plaza
Kraljicina Plaza

Kraljicina Plaza si chiama come la più famosa spiaggia di Sveti Stefan e il suo nome significa “spiaggia della regina”. Sorge vicino alla bellissima città di Bar, a soli 5 chilometri circa, ed è raggiungibile con una taxi boat. Il tragitto dura pochi minuti e superato un promontorio si arriva alla spiaggia, una mezzaluna di sassolini rossastri e un mare verde smeraldo. Da una parte c’è la zona attrezzata con ombrelloni e sdraio, dall’altra la zona libera, con i ciotolini che si trasformano in sabbia.

 

Segnala altre spiagge del Montenegro nei commenti.