Le sirene sono creature acquatiche immaginarie che, per usare le parole di Luciano di Samosata, sono donne per metà della loro lunghezza «ma l’altra metà, dalle cosce ai piedi, si dilunga in una coda di pesce». La figura della sirena esercita un enorme fascino su uomini e donne di ogni tempo e lo testimoniano tanto la cultura popolare quanto la letteratura e il cinema che spesso trattano l’argomento (si pensi, per esempio, a La Sirenetta di Andersen o al film Splash – Una sirena a Manhattan di Ron Howard, con Tom Hanks e Daryl Hannah). Esiste anche la sindrome della sirena, la cosiddetta sirenomelia: una malformazione congenita per la quale gli arti inferiori sono fusi insieme e sembrano formare la coda di una sirena.

Quando sono persone autorevoli a vedere le sirene

Creature immaginarie, dunque. O forse no, perché nel corso della storia ci sono stati diversi avvistamenti di sirene da parte di persone degne di fede: ad affermare di aver visto queste creature nel corso dei secoli non sono stati dei creduloni che bene o male si trovano in ogni angolo del mondo, ma persone considerate con la testa sulle spalle.

Prima di passare a esaminare cinque curiosi avvistamenti di sirene, mi sorge una domanda: ma un “sirenetto” non è mai stato avvistato? Se le testimonianze sulle sirene – tutte con la parte superiore del corpo femminile – sono disseminate lungo i secoli, vuol dire che in qualche modo dovranno pur riprodursi e, bene o male, un “sireno” è necessario. A meno che non siano ermafrodite. Ma non divaghiamo e torniamo agli avvistamenti.


Leggi anche: Cinque fantastiche creature mitologiche greche

 

L’avvistamento di Cristoforo Colombo

Sirene non poi così belle

Cristoforo Colombo sbarca in AmericaNel 1493, un anno dopo la scoperta dell’America, al largo della costa dell’Africa occidentale Cristoforo Colombo avvistò delle sirene. A riferirlo è lo stesso Colombo che ne scrisse sul diario di bordo affermando che, in fin dei conti, non sono proprio così belle come sono dipinte, «anche se in qualche misura hanno un aspetto umano in volto».

Una descrizione molto precisa e anche un po’ caustica che lascia intendere che sì, Cristoforo Colombo aveva visto qualcosa, ma che questo fossero le tanto decantate sirene poi non è detto.

Sirene. Un'avventura terrestre
EUR 11,20 EUR 13,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Atlante delle sirene. Viaggio
EUR 23,80 EUR 28,00
Generalmente spedito in 24 ore
Due sirene in un bicchiere
EUR 12,75 EUR 15,00
Generalmente spedito in 24 ore
Sirene
EUR 10,70 EUR 14,00
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
La coda della sirena
EUR 16,15 EUR 19,00
Generalmente spedito in 24 ore
Una sirena al Grand Hotel
EUR 7,65 EUR 9,00
Generalmente spedito in 24 ore

 

John Smith e la sirena americana

Occhi tondi, naso corto, orecchie lunghe, capelli verdi: questa la creatura che vide il militare

Il capitano John SmithJohn Smith fu presidente della colonia della Virginia nel 1609, sotto Giacomo I d’Inghilterra, e collaborò con Pocahontas (quella originale, naturalmente) nel corso del conflitto con la Confederazione Powhatan. Tra l’altro Smith è l’autore del primo libro in inglese scritto in America, che vide la luce nel 1608. A quanto pare anche lui vide una sirena che era sì attraente, ma niente di che.

Stando a quanto scrisse, la sirena aveva la parte superiore del corpo in tutto e per tutto simile a quello di una donna ed era molto abile nel nuoto. I suoi occhi erano un po’ troppo rotondi, il naso – ben fatto – un po’ troppo corto, le orecchie un po’ lunghe e i lunghi capelli verdi. Nel complesso, secondo John Smith, quella sirena era «tutt’altro che poco attraente». L’avvistamento sarebbe avvenuto nel 1614.

 

L’insegnante e la sirena

Una descrizione molto precisa fornita da William Munro

Il dipinto "Una sirena" di John William WaterhouseLo storico giornale londinese The Times nel 1809 pubblicò una lettera di William Munro, insegnante scozzese. La lettera risaliva al 1797 ed era indirizzata al dottor Torrance che viveva a Glasgow. Munro vi raccontava che un giorno d’estate, mentre era a passeggio lungo il fiume, vide una figura di donna, senza vestiti, seduta su uno scoglio proteso verso il mare. La cosa che lo stupì fu che quello scoglio era ritenuto pericoloso per la balneazione, quindi si domandò chi fosse la donna che si era azzardata a salirvi. Aguzzò, pertanto, la vista e vide che la signora discinta si pettinava i lunghi capelli marroni, la fronte era rotonda, il viso paffuto con guance rubiconde, occhi azzurri e bocca simile alla nostra. Anche il resto della parte superiore del corpo era simile a quello delle donne, solo che il maestro non sapeva dire se le mani fossero palmate o meno. La sirena si voltò a guardare il maestro e poi si tuffò in acqua, per non farsi vedere più.

Munro notava anche che aveva già sentito parlare di questa figura, anche da persone degne di fede, ma non era mai stato disposto a credere loro. Solo dopo averla vista di persona, si convinse di aver ammirato veramente una sirena e si decise a mettere per iscritto la sua esperienza sì che qualche studioso potesse portare avanti opportuni approfondimenti.


Leggi anche: Cinque creature mitologiche che vi lasceranno a bocca aperta

 

I pescatori della Nuova Scozia

Una sirena incredibilmente simile agli esseri umani

"Il pescatore e la sirena" di Knut EkvallAnche nel caso di questo curioso avvistamento di sirene a scriverne è un giornale, il Cape Brooklyn Eagle, e come data abbiamo l’agosto 1886. A quanto riporta il giornale, alcuni pescatori di Capo Bretone – isola al largo della Nuova Scozia, Canada – avvistarono un cadavere in acqua e vi si avvicinarono per tirarlo a bordo e portarlo a riva. Erano lì lì per prendere il corpo, quando questo si mosse, si girò come in posizione seduta, li guardò e poi se ne andò. Poco dopo riapparve, li guardò ancora e sparì per sempre.

Ovviamente i marinai furono scioccati da quello che videro, ma riuscirono a fornire una sorta di identikit: testa, spalle e braccia erano molto simili a quelle di un essere umano, mentre gli arti inferiori sembravano essere di un pesce. I capelli erano lunghi e scuri, come la criniera di un cavallo, e le dita di una mano erano molto lunghe. Il colorito della pelle, almeno nella parte umana, era in tutto simile a quello nostro.

 

La ricompensa di un milione di dollari

Hai davvero avvistato una sirena? Portaci il video o, almeno, una foto!

Un fotogramma di un presunto avvistamento a Kiryat Yam, in IsraeleKiryat Yam è una città nei pressi di Haifa, in Israele, ed è di fatto l’unico posto al mondo (a quanto si sappia) che offre una ricompensa per chi possa dimostrare l’esistenza delle sirene tramite filmati o foto attendibili. Secondo Natti Zilberman, portavoce del Consiglio, la motivazione di questa scelta è dovuta al fatto che «molte persone ci dicono di essere sicuri di aver visto una sirena e sono tutti indipendenti l’uno dall’altro. La gente dice che sono metà ragazza, metà pesce, che saltano come delfini. Fanno tutti i tipi di mosse e poi scompaiono».

Di fatto sugli avvistamenti delle sirene da quelle parti ci sono molte voci. Per esempio Shlomo Cohen, parlando con l’Israel National News, ha affermato di aver visto, insieme a degli amici, una donna sdraiata sulla sabbia in un modo un po’ strano. All’inizio Cohen e gli altri hanno pensato fosse una semplice bagnante, ma quando si sono avvicinati la donna si è subito tuffata in mare, scomparendo. La cosa che li ha sorpresi è il fatto che quella donna avesse la coda.

 

Segnala altri curiosi avvistamenti di sirene nei commenti.