Cinque curiosità e frasi sulla bicicletta e la sua storia

La bicicletta è diventata sempre più, ai giorni nostri, un mezzo economico e rapido per spostarsi. Semplice da parcheggiare, occupa molto meno posto di un’automobile, non consuma carburante e, quindi, non causa inquinamento. Evita lo stress del traffico e ci mantiene in forma.

In quest’articolo ripercorriamo alcune curiosità sulla bicicletta. Vedremo quando è nata la prima vera due ruote. Scoprirete che c’è chi pedala intenzionalmente in modo distinto e di gusto. Leggerete qualche aforisma. Infine, troverete qualche indicazione sulle caratteristiche personali del ciclista utili sul lavoro e su cosa siano le autostrade per ciclisti.

Esperia, Bicicletta mountain
EUR 150,00 EUR 150,00
Generalmente spedito in 24 ore
Frejus Manchester, Bicicletta
EUR 137,79 EUR 149,00
Generalmente spedito in 24 ore
Revoe 553503 Dirt Vtc Bicicletta
EUR 699,90 EUR 799,00
Generalmente spedito in 24 ore
Moma bikes, Bicicletta Mountainbike
EUR 295,12 EUR 350,00
Generalmente spedito in 24 ore
Frejus Chelsea, Bicicletta
EUR 138,11 EUR 138,11
Generalmente spedito in 24 ore
F.LLI SCHIANO E-MOON, BICICLETTA
EUR 662,33 EUR 671,47
Generalmente spedito in 24 ore

 

La prima bicicletta fu inventata nell’Ottocento

Da Leonardo da Vinci ai giorni nostri

Una bici d'altri tempiI primi tentativi di progettazione di una bicicletta risalgono all’estro poliedrico di Leonardo da Vinci. In un suo disegno del 1490, contenuto nel Codice Atlantico, si trova la rappresentazione stilizzata di una struttura con due ruote, non troppo lontana dalla bicicletta così come funziona oggi. Tuttavia, è grazie all’inventiva del barone Karl Friedrich von Drais che nel 1817 si ha il primo prototipo utilizzabile di bici (chiamata Draisine o cavallo da passatempo).

Guidata grazie ad un semplice sterzo, sprovvista di freni e pedali, la velocità si otteneva e regolava usando i piedi. Fu, tuttavia, grazie a un maniscalco scozzese, Kirkpatrick MacMillan, che finalmente il primo mezzo moderno, munito di pedali, utilizzabile, pur con vari limiti, e definibile come bicicletta, nacque nel 1839. Da quel momento in poi il veicolo a due ruote ha subito nel tempo progressivi miglioramenti: sistema di pedalata rotatorio, ruote sempre più conformi al moto e comode, provviste di camere d’aria, trasmissione del movimento a catena, freni più sicuri.

Una bici per ogni esigenza

Lo sviluppo di questo mezzo è stato così grande che ai giorni nostri, ormai, la varietà di biciclette è diventata molto ampia: classica, sportiva, pieghevole, cargo, reclinata, a pedalata assistita, vintage. Per ogni gusto ed esigenza ce n’è una, dunque, ma soprattutto la bicicletta, un mezzo in apparenza così semplice, ne ha fatta di strada negli ultimi due secoli!


Leggi anche: Cinque tra le tipologie di viaggio più rilassanti in assoluto

 

Anche pedalare con eleganza si può

Sulla sella con stile

Immagini di Cycle chicChi ha detto che pedalare è sinonimo di poco elegante o raffinato? Ormai in città, specie se di grande dimensione e con molto traffico, la bicicletta è sempre più usata per muoversi: perché non fare di necessità virtù? Pedalare con stile, con un abbigliamento curato e bello (non in tuta in lycra da ciclista) e su biciclette personalizzate in modo da renderle e sentirle proprie, in grado di rispecchiare un pizzico della nostra soggettività e considerabili alla stregua di oggetti di cui essere orgogliosi e da mostrare, si può.

Il movimento Cycle chic è nato in Danimarca nel giugno 2007 grazie all’iniziativa di Mikael Colville Andersen che iniziò a postare scatti di biciclette sul blog omonimo, cui si aggiunsero in seguito quelli di altri fotografi appassionati di bicicletta. Un movimento che ha esattamente come motivo fondante il duplice scopo di far vedere che è bello, elegante e aggraziato andare in bicicletta e di invogliare più persone possibili ad adottarla come mezzo di spostamento abituale.

La capitale italiana del Cycle chic è Milano

Il Cycle chic si è poi rapidamente diffuso in tutta Europa nei contesti urbani come simbolo di tale cultura e filosofia di vita, da propagandare il più possibile con l’esempio e con il raccontarlo sulle pagine di blog, pagine di social network e siti. Il movimento è diffuso anche in Italia, tramite il network Italian Cycle Chic e Milano è la città più dinamica in tal senso.

 

Aforismi sulla bicicletta

Da Ivan Basso ad Albert Einstein

Ivan BassoMolti pensatori, personaggi famosi e professionisti delle due ruote hanno espresso riflessioni brillanti e piene di saggezza sulla bicicletta e sul suo utilizzo. L’ex ciclista su strada, ora dirigente sportivo, Davide Cassani ha detto: «[La bicicletta] ti fa stare bene, ti dà la possibilità di sentire, di parlare, di vedere il mondo da un’altra angolazione. La bicicletta ti fa tornare indietro nel tempo. Ti fa tornare ragazzo», paragonando quindi l’andare in bicicletta a un elisir di giovinezza, in primo luogo mentale.

Il giornalista Didier Tronchet ha, inoltre, affermato: «Nessuna delle nostre piccole sofferenze quotidiane resiste a un buon colpo di pedale. Tristezza, attacchi di malinconia… inforchiamo la bicicletta e fin dalle prime pedalate abbiamo l’impressione che un velo si squarci». Una sana pedalata diventa così un modo per ritrovare il contatto profondo con se stessi e cacciare via le afflizioni dell’animo.


Leggi anche: Cinque consigli su cosa fare la domenica pomeriggio

Il campione Ivan Basso ha osservato: «La bicicletta insegna cos’è la fatica, cosa significa salire e scendere – non solo dalle montagne, ma anche nelle fortune e nei dispiaceri – insegna a vivere. Il ciclismo è un lungo viaggio alla ricerca di se stessi». Un pensiero che dice molto di quanto sia importante e formativo per la vita lo sport che si è scelto di praticare.

Chiudiamo, infine, anche se ce ne sarebbero molti altri, con il grande fisico Albert Einstein al quale dobbiamo l’aforisma: «La vita è come andare in bicicletta: se vuoi stare in equilibrio, devi muoverti». Un invito ad agire senza scoraggiarsi quando c’è bisogno di far fronte alle piccole e grandi circostanze della vita, perché solo così troviamo soluzioni che ci portano all’equilibrio.

Storia sociale della bicicletta
EUR 18,70 EUR 22,00
Generalmente spedito in 24 ore
Le 98 ragioni per cui vado
EUR 12,99 EUR 16,00
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Viaggiare in bicicletta. Ciclismo
EUR 21,16 EUR 24,90
Generalmente spedito in 24 ore
Il manuale della bicicletta.
EUR 22,86 EUR 26,90
Generalmente spedito in 24 ore
L'uomo nero e la bicicletta
EUR 11,90 EUR 14,00
Generalmente spedito in 24 ore
Storia di un maldestro in
EUR 14,45 EUR 17,00
Generalmente spedito in 24 ore

 

Ciclisti e soft skills

Ricercati dalle aziende

Andare in bici aiuta a sviluppare le capacità necessarie al lavoro di squadraVi sono aziende che amano assumere ciclisti per l’abbondante ventaglio delle loro soft skills, ovvero di quelle caratteristiche personali (sono dette infatti anche people skills) connaturate con noi che usiamo d’abitudine nella nostra vita quotidiana e che, quindi, portiamo anche sul luogo di lavoro. Come, ad esempio, tra le molte, la capacità di gestire il tempo, la capacità di collaborazione e la flessibilità.

Chi usa abitualmente la bicicletta, infatti, acquisisce un senso del tempo più acuto ed è perciò portato a sprecarne meno, a organizzarlo saggiamente e a essere puntuale. Il ciclista si riconosce parte di un gruppo e ciò aiuta in tutti quei posti di lavoro in cui l’attività di squadra, fortemente basata sull’interazione, la reciprocità e la comunicazione, è fondamentale per la buona riuscita di compiti e operazioni.

Pianifica e fa fronte agli imprevisti

È capace sia di pianificare (basti pensare alla scelta degli itinerari, alla stima dei tempi di percorrenza) che di far fronte a eventi improvvisi (condizioni meteorologiche avverse arrivate inaspettatamente, forature, guasti di parti meccaniche) e questa caratteristica, questo suo essere flessibile, aiuta a superare con successo le difficoltà e i problemi che si presentano quotidianamente negli uffici o nei reparti.

 

Esistono autostrade per le biciclette

Dritti alla meta

Le autostrade per bicicletteIn molti paesi europei le piste ciclabili e le corsie riservate al transito delle due ruote sono una realtà diffusa e consolidata, creata appositamente per agevolare la vita dei ciclisti. In alcuni, poi, come la Danimarca, il Regno Unito, la Svezia e la Germania già da anni si lavora a progettare e realizzare vere e proprie “autostrade” ciclabili. Il termine “autostrade” può sembrare strano, ma proprio come per le auto, le autostrade per ciclisti, oltre a consentire di pedalare a velocità elevata, sono soggette a cura e manutenzione costanti e presentano caratteristiche specifiche.

Larghe più di una normale ciclabile, sono il più possibile rettilinee. Durante l’inverno la neve viene rimossa e il ghiaccio eliminato con idonei mezzi. Non sono ricavate da strade percorse da auto ma sono destinate esclusivamente a ciclisti. Un esempio particolarmente interessante di autostrada lo possiamo ritrovare in Germania. All’inizio di quest’anno è stato avviato il progetto per costruirne una larga 5 metri e lunga 60 chilometri distesi tra Dortmund e Duisburg.

L’attenzione all’ecologia

Un percorso interurbano in pianura, sostanzialmente lineare e senza incroci. Certo 60 chilometri tutti in bici sono tanti, ma di sicuro rappresentano un modo di collegare le grandi città in modo intelligente (i tedeschi amano moltissimo andare in bicicletta), ecologico e lungimirante.

Chicco - Prima Bicicletta,
EUR 27,00 EUR 39,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Disney 17223-16 Bicicletta
EUR 98,90 EUR 133,00
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Disney 13127 - 14 Bicicletta
EUR 101,00 EUR 129,00
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Disney 17222 - 14 Bicicletta
EUR 95,00 EUR 95,00
Generalmente spedito in 24 ore
Disney 17190 - 12 Bicicletta
EUR 79,00 EUR 106,00
Generalmente spedito in 24 ore
Denver Bike 17221 DISNEY FROZEN
EUR 79,00 EUR 79,00
Generalmente spedito in 24 ore

 

Segnala altre curiosità e frasi sulla bicicletta e la sua storia nei commenti.