L’estate, come dicevano i Righeira, sta finendo e si avvicinano il ritorno a scuola, al lavoro e, per alleviarvi da queste pene, al cinema, dove usciranno nei prossimi mesi varie nuove pellicole.

Un paio di settimane fa abbiamo provato a chiedervi quali, tra quelle programmate per l’autunno, vi sembravano più invitanti e avete votato in massa, nonostante fosse agosto e molti di voi fossero distesi sui lettini in spiaggia (o, più realisticamente, sotto un ombrello, vista come è andata quest’estate). Ecco, quindi, i cinque film che ci avete rivelato di aspettare con maggior ansia, dal quinto fino al primo posto.

 

I mercenari 3

Sylvester Stallone e tutta la sua banda ci riprovano

La locandina de I mercenari 3Vari sono i sequel che arriveranno sul grande schermo questo autunno: oltre al capitolo conclusivo della trilogia de Lo Hobbit, sul quale avremo modo di tornare, infatti nel nostro grande sondaggio avevamo incluso anche il nuovo Hunger Games, Una notte al museo 3 con il compianto Robin Williams, Come ammazzare il capo… e vivere felici 2 e, sul versante animazione, I pinguini di Madagascar e Planes 2.

Ad entrare in cinquina però è stato I mercenari 3, nuovo capitolo della saga action che ha dato molte soddisfazioni negli ultimi anni a Sylvester Stallone e a tutta una serie di attori che dagli anni ’80 non lavorava più a film del genere, almeno non a certe cifre d’ingaggio.

Il cast stellare

Del cast, oltre al semisconosciuto Patrick Hughes alla regia (australiano con un solo lungometraggio alle spalle, Red Hill), fanno parte ancora una volta lo stesso Stallone, Jason Statham, Jet Li, Dolph Lundgren e Arnold Schwarzenegger, mentre non è stato rinnovato il contratto a Bruce Willis, che pare chiedesse 4 milioni di dollari per 4 giorni di riprese.

A sostituire lui e Charisma Carpenter sono quindi arrivati Mel Gibson – al quale era stata proposta in un primo tempo addirittura la regia –, Harrison Ford, Antonio Banderas, Kelsey Grammer e Wesley Snipes, alla prima interpretazione dopo gli anni passati in carcere per evasione fiscale. La trama vede il gruppo degli Expendables affrontare Conrad Stonebanks, vecchio amico del protagonista Barney Ross e con lui cofondatore, anni addietro, della squadra.

Una squadra ampliata

Questi, infatti, era diventato già in passato un trafficante d’armi ed era arrivato a uno scontro con Ross, alla fine del quale era stato dato per morto. Il suo ritorno in scena porta il personaggio di Stallone ad ampliare la propria squadra, includendo alcuni nuovi elementi più giovani e tecnologici, fino allo scontro finale.

Pur non amatissima dalla critica, la serie degli Expendables ha avuto, negli ultimi anni, un grande e crescente successo al botteghino, incassando quasi 275 milioni di dollari col primo capitolo (a fronte di un budget di 80) e addirittura 312 milioni col secondo: le aspettative sono dunque piuttosto alte, anche se le notizie che arrivano dagli Stati Uniti, dove il film ha appena esordito, parlano di un mezzo flop al botteghino nel primo weekend. In Italia il film uscirà il prossimo 4 settembre.

 

Interstellar

Christopher Nolan fa volare Matthew McConaughey nello spazio

Matthew McConaughey sulla locandina di Interstellar, uno dei film più attesi del 2014Cast letteralmente “stellare” anche per il film che si è piazzato in quarta posizione nella nostra classifica, anche se di tematica decisamente diversa. Interstellar si basa sulla recitazione, infatti, di un Matthew McConaughey sempre più sulla cresta dell’onda, Anne Hathaway, Ellen Burstyn, Michael Caine, Casey Affleck e Matt Damon, ma soprattutto è scritto e diretto da Christopher Nolan, l’acclamato regista degli ultimi Batman ma anche di Memento, Insomnia, The Prestige e Inception.

La trama, essenzialmente di fantascienza, prende spunto da un saggio del fisico teorico Kip Thorne riguardo alla possibilità di viaggiare nei wormhole (o, più propriamente, ponti di Einstein-Rosen), delle ipotetiche gallerie che fungerebbero da “scorciatoie” all’interno dell’universo, permettendo alle cose di spostarsi da un punto all’altro del cosmo in tempi più brevi di quanto non consentirebbe anche la velocità della luce.

In cerca di una colonia

Questa teoria è stata sfruttata da Nolan per imbastire, assieme al fido fratello Jonathan, una trama in cui un padre di famiglia, Cooper, è costretto ad accettare di imbarcarsi su un’astronave per andare in cerca di nuovi mondi da colonizzare visto che la Terra è sconvolta dagli eventi climatici e rischia in breve tempo di non essere più abitabile per il genere umano.

Del film si era già cominciato a parlare nel 2006, quando pareva che il progetto potesse interessare Steven Spielberg. Nel 2007 poi il soggetto fu affidato a Jonathan Nolan, che per affrontarlo al meglio frequentò per quattro anni anche un corso di teoria della relatività tenuto al California Institute of Technology, ma tutto rimase in stand by fino all’anno scorso, quando Christopher, conclusa la sua trilogia dedicata al Cavaliere Oscuro, ha potuto finalmente metterci mano.

Warner e Paramount insieme

Tra l’altro il film sarà coprodotto dalla Warner e dalla Paramount, studios rivali che hanno deciso però di cofinanziarsi a vicenda una serie di progetti proprio a partire da questo lavoro di Nolan, progetti che coinvolgeranno anche un nuovo capitolo della saga di Venerdì 13 e un nuovo film tratto da South Park.

Anche se non sono ancora stati rilasciati dati certi, la pellicola dovrebbe avere una lunghezza considerevole – marchio di fabbrica tra l’altro dei film di Nolan – ed uscire in contemporanea in tutto il mondo tra il 5 e il 7 novembre prossimi.

Interstellar
EUR 15,47 EUR 15,79
Generalmente spedito in 4-5 giorni lavorativi
Interstellar
EUR 5,78 EUR 8,33
Generalmente spedito in 4-5 giorni lavorativi
Interstellar
EUR 5,08 EUR 7,99
Generalmente spedito in 4-5 giorni lavorativi

 

Colpa delle stelle

La drammatica vicenda di due giovani innamorati

La locandina di Colpa delle stelleE alle stelle, anche se in un senso completamente diverso, è legato anche il terzo classificato tra i film più attesi dai nostri lettori, quel Colpa delle stelle che è stato tratto dall’omonimo romanzo di John Green, scrittore di cui abbiamo già avuto modo di parlare sulle nostre colonne.

Tra i tanti film d’azione e d’avventura che, come avete già visto e vedrete anche nei prossimi punti, dominano la nostra cinquina, questa è l’unica pellicola che potremmo definire sentimentale e pensata in particolar modo per un pubblico di adolescenti.

La trama

La storia racconta infatti dell’amore tra due adolescenti sopravvissuti al cancro ma che sono ritenuti ancora a rischio di un ripresentarsi della malattia, ragazzi che, nonostante le loro vite siano in un certo senso appese a un filo, si avvicinano grazie alla lettura di un libro olandese ed intrattengono poi una relazione amorosa.

Così Hazel Grace e Agustus decidono di sfruttare i fondi messi a disposizione da un ente benefico per realizzare il loro sogno e volare ad Amsterdam ad incontrare l’autore di quel libro, Peter Van Houten, accorgendosi però che l’uomo non è come se lo aspettavano perché anch’egli, in fondo, nasconde un tragico segreto.

Un film che ha sbancato i botteghini

Prodotto con un budget piuttosto ridotto, il film ha avuto un successo travolgente in America, dove è stato lanciato lo scorso giugno ed ha incassato quasi 125 milioni di dollari, che salgono a 267 se si contano anche gli altri paesi nel mondo in cui il film è già uscito.

Oltre alla piccola ma importante parte riservata a Willem Dafoe, il film si regge sulle interpretazioni dei giovani Shailene Woodley – ventiduenne già interprete de La vita segreta di una teenager americana – e Ansel Elgort, tutti e due apprezzati dalla critica, che ha visto in generale nel film un storia toccante e ben sviluppata, capace di non cedere al patetismo ma al contempo di dare spunti di riflessione.

In Italia la pellicola arriverà il 4 settembre, cercando di sfruttare anche il successo che in questi mesi ha baciato il romanzo di Green – tra l’altro uno dei videoblogger più seguiti d’America –, uscito in realtà negli Stati Uniti nel 2012.

 

Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate

L’ultimo capitolo della seconda trilogia di Peter Jackson

L'ultimo capitolo della saga de Lo HobbitUno dei blockbuster di Natale sarà però sicuramente Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate, terzo ed ultimo capitolo della nuova trilogia di Peter Jackson, che ormai da anni riempie il nostro periodo delle feste con i paesaggi della Nuova Zelanda e le avventure di J.R.R. Tolkien.

Dal punto di vista della trama, in questa pellicola verranno al pettine tutti i nodi disseminati nel primo e soprattutto nel secondo film della saga, con lo scatenarsi della Battaglia dei Cinque Eserciti che vedrà coinvolti uomini, elfi, nani, orchi e mannari che si scontreranno ai piedi della Montagna Solitaria, alcuni per esaudire il desiderio dell’Oscuro Signore, altri per impossessarsi delle ricchezze di quel luogo.

Un progetto evolutosi nel tempo

Il grosso delle riprese fu effettuato già tra il 2011 e il 2012, quando si registrò il materiale anche per i due capitoli precedenti. In origine il progetto sarebbe dovuto essere stato articolato, infatti, solo in due pellicole, poi ampliate a tre in fase di montaggio.

Nel cast figurano ancora una volta, ovviamente, Martin Freeman nella parte di Bilbo Baggins, Ian McKellen in quella di Gandalf, Cate Blanchett in quella di Galadriel e Hugo Weaving in quello di Elrond, ma avranno ampio spazio anche gli attori entrati in scena nel secondo capitolo come Orlando Bloom nel ruolo di Legolas, Evangeline Lilly in quello di Tauriel e Benedict Cumberbatch – solo in lingua originale – come doppiatore del drago Smaug.

Una saga in crescendo

Chi l’ha votato e ci ha inviato le sue impressioni tramite l’apposito form che compariva di fianco al sondaggio ha sottolineato come i due capitoli precedenti della trilogia siano stati in un certo senso in crescendo – col primo almeno in parte deludente e una seconda parte invece più solida ed appassionante – e che quindi le aspettative siano piuttosto alte per questa conclusione che si preannuncia oltremodo epica.

D’altro canto, la macchina messa in piedi da Peter Jackson, che oltre che regista è come al solito anche sceneggiatore (assieme a Fran Walsh, Philippa Boyens e Guillermo Del Toro) e produttore, pare essere ormai più che rodata.

Il suo lavoro è sempre stato apprezzato sia dagli appassionati di fantasy che dagli esigenti rappresentanti della Società tolkeniana, che anche in questo caso hanno dato il beneplacito almeno al soggetto del film e all’idea di dividere la storia in tre parti e con esattamente queste titolazioni. In Italia il film uscirà, in contemporanea col resto del mondo, il 17 dicembre.

Lo Hobbit: La Trilogia
EUR 43,90 EUR 43,90
Generalmente spedito in 24 ore
Lo Hobbit - La Trilogia cinematografica
EUR 12,00 EUR 42,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Lo Hobbit,Il Signore Degli
EUR 14,99 EUR 17,79
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi

 

Guardiani della Galassia

Dalla Marvel, una banda di reietti dello spazio

La locandina de I Guardiani della Galassia della MarvelA sorpresa, ma nemmeno poi molto, al primo posto della nostra graduatoria si è piazzato Guardiani della Galassia, il nuovo film tratto dai fumetti della Marvel che sta facendo man bassa proprio in questi giorni al botteghino negli Stati Uniti (in Italia arriverà invece solo il prossimo 22 ottobre).

Diciamo “a sorpresa” perché in realtà la pellicola è sì tratta dai fumetti della casa editrice che ha messo a segno alcuni dei più importanti blockbuster degli ultimi anni (Iron Man, Spider-Man, The Avengers e Captain America, solo per citare i più noti), ma ha per protagonisti dei personaggi che non sono mai stati di primissimo piano sulla carta stampata.

Personaggi minori

I Guardiani della Galassia sono infatti stati creati nel 1969 da Arnold Drake e Gene Colan, salvo poi essere rivisti nel 2008 da Dan Abnett e Andy Lanning. In ogni caso non hanno mai sfondato, rendendosi protagonisti di un paio di serie (se si esclude l’ultima, lanciata per cavalcare il traino del film) di breve durata.

D’altro canto, l’idea della Marvel sembra essere ormai quella di sfruttare anche questi personaggi di secondo piano, come dimostra l’uscita, proprio questo stesso Natale, pure di Big Hero 6, il nuovo film d’animazione della Disney tratto da un’altra serie minore Marvel.

La firma di James Gunn

Per quanto riguarda i Guardiani, comunque, la pellicola è diretta e scritta da James Gunn – già regista di Super e sceneggiatore del film live action di Scooby-Doo e del remake de L’alba dei morti viventi – e interpretata da Chris Pratt, Vin Diesel, David Bautista, Benicio Del Toro, Josh Brolin, Djimon Hounsou, John C. Reilly e Glenn Close, più il doppiaggio in originale di Bradley Cooper e Seth Green.

Il film si incentra sulle disavventure di Peter Quill, un terrestre rapito da bambino ed allevato dai ladri Ravagers che finisce per rubare a Ronan l’accusatore una sfera che si rivela una grande minaccia per l’intero Universo e per difendere la quale dovrà farsi aiutare da una squadra di reietti della galassia.

Il film ha ricevuto critiche molto buone negli Stati Uniti ed ha esordito ottimamente anche al botteghino, tanto è vero che è già stata approvata l’idea di un sequel; inoltre è interessante anche perché vi viene introdotto Thanos (interpretato da Josh Brolin), il supercattivo che avrà un ruolo di primo piano nel probabile secondo sequel degli Avengers, che però non uscirà prima del 2018.

 

I risultati del sondaggio

[socialpoll id=”2214096″]

 

Segnala altri interessanti film in uscita nell’autunno 2014 nei commenti.