Cinque foto di parchi nazionali fatte da Ansel Adams

The Tetons and the Snake River, forse la più celebre tra le foto di Ansel Adams

Se avete avuto modo di vedere, ieri sera, il WWDC della Apple avrete scoperto che il nuovo sistema operativo di Cupertino si chiamerà Os X Yosemite, in omaggio al Parco Nazionale omonimo che si trova nella parte californiana della Sierra Nevada. E, se avete l’occhio attento, vi sarete anche accorti che durante la presentazione più volte è comparsa la faccia di Ansel Adams, un fotografo che a quel parco ha dato fama e che più in generale ai parchi naturali americani ha legato tutta la sua carriera.

L’occasione quindi è buona per presentare la carriera del fotografo nativo di San Francisco soprattutto tramite i suoi scatti, rigorosamente in bianco e nero, focalizzandoci su quelli effettuati all’interno delle riserve naturalistiche americane. Ecco quindi cinque foto di parchi nazionali fatte da Ansel Adams.


 

Yosemite Valley from Tunnel View

Il legame col parco californiano e la pubblicazione non autorizzata

Yosemite Valley from Tunnel View di Ansel AdamsNato a San Francisco nel 1902, Adams cominciò a fotografare proprio al vicino Yosemite National Park: mentre era lì in vacanza con la sua famiglia, nel 1916 gli viene infatti regalata la sua prima macchina fotografica, una Kodak Brownie, modello estremamente popolare nell’America del periodo e oggi considerato tra i più importanti nella storia della fotografia. Innamorato dei grandi passaggi naturalistici, entrò presto nel Sierra Club, associazione ambientalista proprio di San Francisco di cui divenne presto il fotografo ufficiale, mentre parallelamente ereditava dal suocero Harry Best, che era stato a suo tempo fotografo specializzato proprio in vedute dello Yosemite, un negozio con annesso studio fotografico.

Allo Yosemite dedicò tantissime fotografie in particolare a partire dal 1931, anche se il rapporto col parco si interruppe quando il direttore dello stesso, nel 1936, pubblicò a sua insaputa il libro fotografico The Four Seasons in Yosemite: Adams fece causa al direttore ed ottenne un risarcimento, qualche anno più tardi, di 500 dollari, ma da quel momento in avanti preferì dedicarsi ad altri paesaggi, come vedremo anche andando avanti con la nostra cinquina. All’interno di quella raccolta era contenuta anche la foto che vedete qui di fianco e che potete ingrandire cliccandoci sopra, intitolata Yosemite Valley from Tunnel View.

 

Half Dome, Merced River, Winter

I principi della straight photography e del Gruppo f/64

Half Dome, Merced River, Winter di Ansel AdamsSempre compresa nella collezione delle quattro stagioni allo Yosemite Park è anche questa bella immagine del Merced River che scorre ai piedi dell’Half Dome, roccia granitica che arriva ad un’altezza di 2700 metri e che è molto nota nell’immaginario americano, tanto da essere stata utilizzata negli anni anche come corredo di molti loghi sportivi, come ad esempio quello originale della North Face, famosa marca di abbigliamento californiana. La foto di Adams fu scattata in inverno, come ben si vede dalla presenza di neve non solo sulla vetta del monte ma anche sugli alberi che costeggiano il fiume, ma senza aggiungere effetti particolari, semplicemente sfruttando la potenza dell’inquadratura e del momento.

Lo stesso Adams, d’altronde, era stato fautore della nascita, nel 1932, del Gruppo f/64, un raggruppamento di fotografi anche molto importanti (oltre ad Adams si ricordano Edward Weston, Imogen Cunningham e Sonya Noskowiak) dell’area di San Francisco che credevano fermamente nella straight photography, cioè una fotografia pura, realistica, senza creazioni artistiche, senza significati sottesi, il cui unico principio doveva essere quello – suggerito dal nome stesso del gruppo – di tenere il diaframma dell’obiettivo aperto al minimo, cosa che dava una maggiore profondità di campo e una grande accuratezza nei dettagli.

 

Mount Williamson, Sierra Nevada, from Manzanar, California

Non solo rocce e pietre durante la Seconda guerra mondiale

Mount Williamson, Sierra Nevada, from Manzanar, California di Ansel AdamsSempre in California e sulla Sierra Nevada, ma poco più a sud di Yosemite (più o meno a metà strada tra San Francisco e Los Angeles, ma ovviamente nell’interno e non sulla costa), si trova l’Inyo National Forest, una foresta preservata dal sistema naturalistico americano soprattutto per le sue wilderness areas, le aree incontaminate, una delle quali tra l’altro è stata dedicata e intitolata proprio ad Ansel Adams nel momento della sua morte, nel 1984, quando il fotografo aveva già raggiunto onori importanti come l’assegnazione, pochi anni prima, della Medaglia presidenziale della libertà dall’allora presidente Jimmy Carter. All’interno di questa foresta si trova anche il monte Williamson, alto quasi 4.400 metri e scalato per la prima volta a fine Ottocento sia dal lato sudorientale che da quello occidentale in due spedizioni successive.

A quel monte Adams ha dedicato uno dei suoi scatti più suggestivi, intitolato Mount Williamson, Sierra Nevada, from Manzanar, California e datato 1944. A quel punto, la carriera di Adams era ormai ben avviata e il suo nome famoso nel settore; d’altro canto, proprio in quegli stessi anni aveva momentaneamente messo da parte la passione per la natura per dedicarsi, per una volta, a scopi umanitari e sociali, fotografando quei nippo-americani che erano stati internati in campi di concentramento (ben diversi, per fortuna, da come li intendevano i nazisti) proprio dalle parti del Manzanar durante la guerra tra gli Stati Uniti, loro paese d’adozione, e il Giappone, loro paese d’origine. Quella raccolta venne pubblicata col titolo Born Free and Equal.

 

Tetons and the Snake River

L’avvolgente fiume che corre verso le montagne

The Tetons and the Snake River, forse la più celebre tra le foto di Ansel AdamsSpostiamoci ora finalmente fuori dalla California, in quelle escursioni in nuove terre che Adams iniziò a compiere dopo che il suo nome si era imposto sulla scena nazionale e dopo la rottura con lo Yosemite, e in particolare dirigiamoci a nord, verso il confine con il Canada. La prima meta che incontriamo è il Parco Nazionale del Grand Teton, in Wyoming, subito sotto al più noto Parco di Yellowstone: qui Ansel Adams scattò quella che forse è la sua foto più famosa alla catena montuosa del Teton Range, sotto alla quale scorre il fiume Snake.

La catena è composta da vari monti, molti chiamati Teton (Grand Teton, 4.198 metri d’altezza, Middle Teton, con 3.969 metri, South Teton, con 3.879 e così via), e per questo nel titolo della fotografia si parla di Tetons al plurale; il fiume Snake, invece, è uno dei corsi d’acqua più lunghi del nord America, visto che misura 1.670 km, passando attraverso il Wyoming, l’Idaho, l’Oregon e lo stato di Washington, diventando poi un affluente del Columbia. La fotografia fu pubblicata per la prima volta nel 1942 all’interno di una raccolta di immagini di vari parchi nazionali scattate tra il 1933 e il 1941 intitolata Ansel Adams Photographs of National Parks and Monuments.

 

McDonald Lake

Tra le belle montagne del Montana

McDonald Lake di Ansel AdamsAndiamo, per concludere, proprio a ridosso del confine tra Stati Uniti e Canada, in Montana, dove si trova quel Glacier National Park di cui abbiamo parlato quando abbiamo presentato le più belle strade d’America, visto che proprio in quel parco scorre la famosa Going-to-the-Sun Road. Anche il lago McDonald fu ritratto negli anni Trenta, in una serie piuttosto numerosa di scatti ripresi però quasi sempre dalla stessa posizione, anche se a diversi momenti del giorno e delle stagioni: il lago ha una lunghezza di circa 16 chilometri e una larghezza di 1,6; si trova a quasi mille metri sul livello del mare ed è costeggiato a sud proprio dalla Going-to-the-Sun Road, ma le bellezze della zona non sono garantite solo dalla flora, bensì anche dalla nutrita fauna, visto che in quell’ambiente sono presenti parecchi orsi grizzly, orsi neri americani, alci e cervi.

La fotografia, come al solito in bianco e nero, riesce ad esaltare il riflesso della luce sull’acqua e a dare l’idea, pur nella pace di un lago, di una certa tensione, di un equilibrio pronto però ad esplodere com’è tipico del lato selvaggio della natura incontaminata.

 

Segnala altre straordinarie foto di parchi nazionali fatte da Ansel Adams nei commenti.