Cinque politici da seguire su Instagram

Barack Obama – uno dei politici da seguire su Instagram – nel momento della rielezione

C’è stato un momento, un anno o due fa, in cui sembrava che i social network potessero essere un modo per superare lo scarto tra politica e cittadini; in cui tutti i leader dei vari partiti italiani si sono tuffati su Twitter e/o su Facebook, a volte scrivendo in prima persona i post, più spesso affidandosi a staff di esperti. Oggi che quest’illusione è scemata – sommersa sotto ai fake, agli attacchi personali e alle ironie della rete – l’attività dei politici si è fatta più sporadica e a volte più fredda, da un certo punto di vista perfino più istituzionale.

Tra i social network, l’ultimo in ordine cronologico ad aver incontrato il favore del grande pubblico è probabilmente Instagram, rete fotografica in cui ogni utente può condividere le proprie istantanee (quasi sempre realizzate con lo smartphone), al limite accompagnandole con opportuni hashtag.

In Italia, nonostante sia molto utilizzato dalla “base”, i politici non hanno ancora cominciato ad usarlo appieno, se non in qualche sporadica eccezione.

Più pervasiva è invece la sua presenza nella scena politica statunitense, dove il presidente Barack Obama (e sua moglie Michelle) hanno inaugurato una fortunata consuetudine che ormai coinvolge quasi tutti i pubblici amministratori. Ma, se dovessimo sceglierne solo cinque, quali sarebbero i politici da seguire su Instagram? Ecco i nostri suggerimenti.

 

1. Barack Obama

Seguito da più di due milioni e mezzo di follower (e, a giudicare dai commenti ad ogni sua singola foto, probabilmente da altrettanti haters, che sui social non mancano mai), attivo dal 4 gennaio 2012, Barack Obama è stato sicuramente uno dei primissimi politici a sbarcare su Instagram.

Il suo staff alterna scatti informali del presidente al lavoro, foto di incontri pubblici (dove paradossalmente sembra figurare più Joe Biden che Obama, probabilmente per aumentare la popolarità del primo) e immagini di sostenitori.

@barackobama

Le tre foto con più like finora le vedete qui di seguito. La prima risale a più di un anno fa, è intitolata semplicemente Thank You ed è l’immagine della vittoria alle elezioni per il secondo mandato.

La seconda è invece del 4 ottobre scorso, ventunesimo anniversario di matrimonio di Barack e Michelle, con una foto vintage intitolata solo You and I.

La terza, infine, è del 5 agosto scorso, intitolata Cake and #Obamacare to kick off e mostra la torta di compleanno del presidente, oltre a fare riferimento alla riforma del sistema sanitario. Inoltre, se l’account vi interessa, vi segnaliamo anche quello della first lady, Michelle Obama1, aggiornato negli ultimi mesi con una discreta frequenza.

 

2. Andrew Cuomo

Quello di Andrew Cuomo, da noi, forse non è un nome di primissimo piano, se non per richiamare alla mente quello di Mario Cuomo, governatore dello Stato di New York per undici anni e grande esponente del Partito Democratico.

Andrew, che ha ripercorso le orme del padre e dal gennaio 2011 governa l’importante stato che ha Albany per capitale (e che comprende la città di New York), ha in realtà anch’egli una carriera di tutto rispetto.

@nygovcuomo

Ministro per la casa e lo sviluppo urbano sotto l’amministrazione Clinton tra il 1997 e il 2001, ex marito di Kerry Kennedy – figlia di Bob Kennedy – dalla quale ha divorziato nel 2005 a seguito di una relazione extraconiugale della moglie, è stato anche Procuratore Generale dello Stato, prima di candidarsi alle elezioni e battere il repubblicano Carl Paladino.

I suoi follower su Instagram non sono neanche lontanamente paragonabili, in quanto a numeri, a quelli della coppia presidenziale, ma in compenso è molto attivo, postando in media almeno una quindicina di foto al mese.

Le tre più apprezzate dell’ultimo anno le vedete qui sotto: le prime due sono legate alla ricostruzione del World Trade Center, l’ultima al New York Pride per la comunità LGBT.

 

3. Bill de Blasio

Bill de Blasio l’abbiamo scoperto – noi e gli stessi americani, probabilmente – e imparato a conoscere nei mesi scorsi, durante la campagna elettorale per la carica di sindaco di New York che lo ha visto contrapposto al repubblicano Joe Lhota nel tentativo di conquistare il seggio che era stato per undici anni di Michael Bloomberg.

Leggi anche: Cinque attori che si sono affermati come politici

La sua storia è molto particolare. Il suo nome di nascita era infatti Warren Wilhelm jr., ma l’ha cambiato tra il 1983 e il 2002 in seguito all’abbandono e al suicidio di suo padre, decidendo di adottare il cognome materno (il padre era infatti di origine tedesca, la madre italiana).

@billdeblasio

Sposato con l’attivista gay Chirlane McCray, ha come tutti sapete due figli dai nomi italiani, Chiara e Dante, che l’hanno supportato parecchio nella campagna e compaiono spesso pure nelle sue foto su Instagram.

Attivo dal 27 gennaio 2013, da quando cioè è partita la sua corsa all’elezione, ha decisamente rallentato i suoi post dopo la vittoria, ma probabilmente riprenderà a postare quando entrerà in carica.

Per ora le sue foto più apprezzate sono quelle che trovate qui sopra. La prima è quella della vittoria, con l’immancabile titolo Thank you, New York City. La seconda è con Barack Obama. La terza, infine, è quella uscita il giorno prima delle votazioni.

 

4. Ignazio Marino

Passiamo all’Italia, su un terreno molto più accidentato, dove si accavallano simpatie o antipatie personali e credo politico (o antipolitico).

Cerchiamo però di rimanere neutri presentando due tra i pochissimi politici italiani che sono sbarcati sul social delle foto.

Leggi anche: I cinque post più condivisi dei politici italiani su Facebook

Due, è vero, appartenenti non solo allo stesso partito ma anche alla stessa “corrente”, se così si può chiamare, ma di fatto gli unici amministratori di primo piano ad essere presenti su Instagram: Ignazio Marino, sindaco di Roma, e Matteo Renzi, sindaco di Firenze e neosegretario del PD.

@ignaziomarino

Partiamo dal primo. Seguito da circa 500 follower, attivo dal 20 marzo – quando ancora stava correndo per le Primarie per la carica di primo cittadino della capitale – ha una media di circa una foto al giorno, a volte postata direttamente da lui, più spesso dal suo staff, che il più delle volte riguarda incontri pubblici o iniziative promosse in città.

Le tre foto più amate dai suoi follower le trovate qui sopra. La prima è un mosaico di immagini sul Campidoglio illuminato per dire no alla violenza sulle donne. La seconda è il passaggio di consegne tra lui e lo sconfitto Gianni Alemanno. La terza è un’istantanea di Nicola Zingaretti mentre sostiene un cartello in appoggio alla candidatura di Marino (con lo slogan “daje”).

 

5. Matteo Renzi

Concludiamo col più giovane del gruppo, Matteo Renzi, spesso abituato ad arrivare per primo. È stato, ad esempio, il primo politico italiano di un certo peso a sbarcare su Twitter ed è stato il primo, a quanto ci risulta, pure su Instagram, dove vanta quasi 7mila follower, numeri non da poco in un ambiente comunque ancora piuttosto ristretto.

Attivo dal 1° settembre 2012, all’epoca ancora delle primarie contro Pier Luigi Bersani, Renzi pubblica mediamente un paio di foto a settimana, anche se la media è un po’ bugiarda.

L’attività infatti si intensifica enormemente vicino alle scadenze elettorali (interne o esterne al partito che siano) e rallenta fino quasi ad annullarsi nel resto dell’anno, segno che per il sindaco di Firenze Instagram è ancora solo uno strumento di propaganda e non di comunicazione con l’elettorato.

@matteorenzi

Le tre foto con più like nel suo profilo sono quasi tutte recenti. Quella che ha fatto il botto, raccogliendo più di mille apprezzamenti, è ovviamente datata 8 dicembre scorso e celebra la vittoria su Cuperlo e Civati.

In seconda posizione la foto di un’intervista a Vanity Fair. La terza, infine, è quella che salutava i sostenitori dopo la sconfitta alle Primarie del 2012.

Note e approfondimenti

  • 1 Lo potete raggiungere qui.

 

Segnala altri politici da seguire su Instagram nei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here