Non è facile stabilire quali siano le razze di cani più piccole del mondo. Perché, certo, esistono misurazioni medie e studi molto accurati, ma per fortuna ogni cane, per quanto inevitabilmente influenzato dalla sua razza e dal suo DNA, fa storia a sé.

Per questo è quasi impossibile stabilire una graduatoria univoca che stabilisca primo, secondo e terzo posto senza possibilità di discussione.

È più semplice, però, individuare alcune di queste razze di piccola taglia, quelle più famose e quelle che più facilmente si adattano alla vita in appartamento o a giocare coi bambini, in modo da approfondirne le qualità e le caratteristiche. È quello che cerchiamo di fare oggi con questa guida alle cinque razze di cani tra quelle di più piccola taglia.

 

1. Yorkshire Terrier

Facciamo cominciare la nostra selezione da quello che è sicuramente uno dei migliori cani da salotto e compagnia, lo Yorkshire Terrier.

Un cane da lavoro, almeno inizialmente

La sua comparsa è databile con la fine dell’Ottocento in Inghilterra, derivante da vari incroci con l’obiettivo di creare una razza di cani utili allo svolgimento del lavoro.

Gli esemplari di questa razza, infatti, venivano utilizzati indifferentemente nelle industrie tessili e nelle miniere di carbone dello Yorkshire con lo scopo di dare la caccia ai topi, che spesso si annidavano in luoghi angusti (o addirittura nei cunicoli proprio delle miniere) portando però gravi danni all’attrezzatura o alle balle di lana.

Un giocherellone

Rispetto ad allora, oggi lo Yorkshire Terrier ha abbandonato questi compiti, diventando il compagno ideale delle famiglie e perfino delle donne sole, che ne apprezzano l’indole giocherellona, l’affetto e l’istinto di protezione per il padrone e il buon comportamento in casa (anche in coppia con altri animali domestici come i gatti, coi quali va d’accordo).

Vive generalmente tra i 10 e i 15 anni e ha una stazza minuta anche se elegante nel portamento. Il peso ideale è compreso tra i 3 e i 4 chili, anche se si ha notizia di cani decisamente più leggeri.

Lo Yorkshire Terrier
Il più piccolo Yorkshire Terrier della storia – o almeno quello i cui dati sono stati registrati – è una certa Sylvia, morta in Gran Bretagna nel 1945, che pesava solo 110 grammi ed era alta appena 6 centimetri e mezzo dalla spalla a terra.

Nel Guinness dei Primati, però, è figurato per un certo tempo un altro Yorkshire Terrier, tailandese, capace di detenere a lungo il record di cane più piccolo del mondo, con un’altezza di meno di 12 centimetri.

Lo yorkshire terrier. Ediz.
EUR 4,99 EUR 5,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Yorkshire Terrier
EUR 147,98 EUR 6,00
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Yorkshire Terrier Calendar
EUR 13,68 EUR 13,68
Generalmente spedito in 24 ore

 

2. Barboncino

Del barbone avevamo già parlato qualche tempo fa, quando abbiamo elencato i cani più intelligenti secondo varie ricerche scientifiche, classifica in cui il barbone si piazzava addirittura al secondo posto dietro al Border Collie.

Il nome barboncino, meno corretto dal punto di vista scientifico ma più diffuso, ne evidenzia in particolare anche la piccola stazza e ne identifica le taglie più piccole.

Secondo la classificazione standard, infatti, il barbone può presentarsi in taglia grande (alto circa mezzo metro al garrese, cioè nella parte più alta del dorso), media (attorno ai 40 centimetri), nano (sui 30) e toy (alto 25 centimetri). Per queste due ultime taglie, poi, il peso ideale è di circa 7 chilogrammi per la taglia nana e di 4 per la toy.

Il legame con le anatre

Abilissimo nuotatore con un passato di cane da caccia – soprattutto nei confronti delle anatre, tanto che il suo nome sia in francese che in tedesco e inglese sembra derivare proprio dall’anatra o comunque dal tuffo in acqua – il barboncino è oggi usato come cane da compagnia.

Dalla sua ha, da un lato, alcune qualità del pelo che lo rendono ideale per la vita casalinga (non avendo sottopelo esso non cade mai né muta, ed è inoltre ipoallergenico), dall’altro un carattere brillante, giocoso (ma anche furbo) e affettuoso che lo rende adatto anche alla compagnia dei bambini.

Il simpatico e intelligente Barbone
È inoltre, a causa del suo bel pelo che può essere anche molto curato e della piccola stazza, il cane preferito da modelle e attrici.

Mentre le taglie più grandi vivono in genere circa 12 anni, quelle più piccole possono arrivare anche senza troppi problemi ai 15.

 

3. Shih Tzu

Dopo due cani tipicamente europei, spostiamoci in Oriente per presentare lo shih tzu, una delle razze più antiche e piccole del pianeta.

I primi documenti riguardo a questi cani risalgono al XVI secolo, quando venivano paragonati a piccoli leoni; più probabile però che la razza come la conosciamo noi oggi si sia delineata nel secolo successivo in seguito a vari incroci con altre razze come il tibetano e il pechinese.

Un cane quasi sacro

In ogni caso per molto tempo lo shih tzu è stato considerato un cane quasi sacro nella tradizione tibetana e cinese, tanto che i monaci erano soliti donarlo all’imperatore come segno di buon auspicio e che le prime esportazioni in Occidente risalgono addirittura agli anni ’30 del ‘900.

Cane dal pelo lungo, tant’è vero che spesso i peli del cranio vengono legati col nastro, ha un’altezza generalmente compresa tra i 25 e i 28 centimetri e un peso che varia dai 4 agli 8 chili, anche perché, nonostante le dimensioni minute, è un cane robusto e resistente.

Lo shih tzu
Dal punto di vista del comportamento, in lui si ritrovano le stesse qualità che abbiamo già elencato per lo Yorkshire Terrier e per il Barboncino, ma forse addirittura potenziate: molto ubbidiente, ha un carattere solare e giocherellone, oltre che protettivo nei confronti del padrone e dei bambini.

Abbaia però poco e quindi, a differenza di altri, non si dimostra adatto a compiti di guardia. Ha infine una vita media piuttosto lunga, visto che può arrivare tranquillamente fino ai vent’anni d’età.

 

4. Chihuahua

Sempre tra le più piccole razze di cani del mondo – e forse una delle più minuscole in assoluto – è la razza messicana del chihuahua, che trae la propria origine dalla regione omonima in cui si trova anche Ciudad Juárez, patria di origine del burrito e zona di criminalità ma anche di grandi artisti.

Le sue origini sembrano essere antichissime, visto che un suo progenitore, il techichi, veniva raffigurato dalle civiltà precolombiane già nel 300 a.C.

Una ventina di centimetri

A pelo corto o a pelo lungo, il chihuahua è un buon cane da compagnia la cui altezza al garrese varia in genere tra i 16 e i 21 centimetri e il peso tra il chilo e mezzo e i tre chilogrammi. A differenza dei cani che abbiamo visto finora, però, la sua vita in casa necessita di qualche piccolo accorgimento in più.

Di buon carattere, affettuoso e giocherellone, va però educato da un lato a non ritenersi il capobranco in famiglia, cosa che può portarlo a un comportamento in parte aggressivo, dall’altro in presenza di bambini bisogna fare attenzione a che questi non lo maltrattino o non lo usino come un giocattolo, comportamento che il cane non sopporterebbe.

Un chihuahua
Per il resto, però, si lega fortemente al padrone, ama stargli in braccio ed essere da lui scarrozzato anche in luoghi pubblici, è iperattivo e necessita di muoversi e fare sgambate e vive molto bene assieme ad altri cuccioli della sua razza ma anche, se educato fin da piccolo, con animali diversi come i gatti.

Ha una vita media che generalmente varia tra i 15 e i 20 anni.

Chihuahua
EUR 11,00 EUR 15,00
Generalmente spedito in 24 ore
Guida alla cura e al benessere
EUR 10,20 EUR 12,00
Generalmente spedito in 24 ore
Il chihuahua
EUR 5,25 EUR 15,00
Generalmente spedito in 24 ore

 

5. Bassotto

Chiudiamo tornando in Europa e in particolare in Germania, terra d’origine dei bassotti, cani in origine usati – a causa della loro forma allungata che permetteva di intrufolarsi in cunicoli e spazi angusti – per la caccia (e in particolare per la caccia ai tassi, come dimostra il nome tedesco di Dachshund, che significa “cane del tasso”).

Ormai da tempo, però, sono usati come cani di compagnia in tutto il mondo, e pure in Italia dove sono molto diffusi soprattutto gli esemplari a pelo corto. Inoltre, antenati di questa specie sono stati rinvenuti addirittura in scavi relativi all’antica civiltà egizia.

Le misure

Sono classificate comunemente tre taglie di questa razza di cani: lo standard, che pesa solitamente tra i 7 e i 15 chili e ha una circonferenza toracica superiore ai 35 centimetri; il nano, in genere sui 5 chili e mezzo e col torace tra i 30 e i 35 centimetri.

Infine c’è il Kaninchen, che non supera i 30 centimetri di circonferenza toracica mentre ha un peso compreso tra i 3,5 e i 5 chilogrammi.

Il bassotto
Il carattere, memore del passato da cacciatore, necessita di qualche attenzione da parte del padrone.

Il bassotto infatti tende ad attaccare briga anche con cani notevolmente più grandi di lui, ha un atteggiamento molto guardingo e a volte addirittura aggressivo nei confronti degli estranei e tende, se non bene educato, a sviluppare un attaccamento quasi morboso nei confronti del padrone.

Inoltre presenta un carattere forte che va mitigato con l’educazione, anche per quanto riguarda la vita in appartamento e il rapporto coi bambini.

 

Altre 10 razze di cani di piccola taglia, oltre alle 5 già segnalate

Oltre a queste prime cinque razze, ce ne sono molte altre che presentano dimensioni molto piccole e minute. Vale la pena di scoprirle. Eccone quindi altre 10 che non potete non conoscere.

 

Bichon frisé

Il Bichon frisé – il cui nome completo è Bichon à poil frisé – pare sia un discendente del barboncino, poi evolutosi per conto suo o in Francia o in Spagna. Proprio presso le corti divenne un apprezzato cane di compagnia, diventando l’amico fedele di Francesco I e di Enrico III. Nell’Ottocento fu degradato a cane da circo, ma venne riscoperto nel secolo successivo.

Il Brichon Frisé
Vanta un pelo riccioluto e bianco, è agile e robusto e misura, al garrese, circa 20 centimetri. Il peso varia dai 3 ai 6 chili per le femmine e dai 4 ai 7 per i maschi.

Boston Terrier

Il Boston Terrier proviene invece dagli Stati Uniti e in particolare da Boston, dove venne originariamente creato come cane da combattimento, incrociando il bulldog a dei piccoli terrier. È infatti piccolo ma compatto, con un peso che varia dai 6 ai 12 chili.

Il suo corpo ha la caratteristica di poter essere inscritto in un quadrato, ma soprattutto di essere molto muscoloso. Le orecchie sono dritte e a punta e il pelo è corto e lucido.

 

Griffone di Bruxelles

Chiamato anche griffoncino, il Griffone di Bruxelles appartiene a un trittico di cani di piccola taglia originari del Belgio, di cui fanno parte anche il Griffone belga e il Piccolo brabantino. I tre cani hanno, d’altronde, un’origine comune e un aspetto per certi versi simile.

Il Griffone di Bruxelles
Il Griffone di Bruxelles è barbuto e baffuto, con un pelo duro e arruffato. Il colore è rossastro, con solo un po’ di nero a livello della testa. È un cane vivace e curioso, perfetto per la compagnia.

Affenpinscher

Deriva probabilmente proprio dal griffoncino anche l’Affenpinscher, cane tedesco che deve il suo nome alla sua espressione che ricorda quella di una scimmia (affen, in tedesco, significa proprio “scimmia”). Nonostante questo, la sua espressione – come anche il suo carattere – è simpatica e affezionata.

Ha un’altezza al garrese compresa tra i 25 e i 30 centimetri e un preso di 3-6 chili. È un cane grintoso ed energico, anche se molto affezionato al suo padrone.

 

Chin

Il Chin è un piccolo cane giapponese molto diffuso anche dalle nostre parti, che al garrese presenta un’altezza di solito di 25 centimetri. Il peso varia dai 3 ai 5 kg circa e in generale la struttura corporea è quadrata ed elegante. La caratteristica più rilevante, oltre al pelo, sono gli occhi, distanziati e sporgenti.

Il Chin, bel cane orientale
Originario in realtà della Cina e del Tibet, venne poi introdotto in Giappone qualche secolo prima di Cristo, diventando un animale sacro e venerato per volontà dello stesso imperatore.

Maltese

Anche il Maltese ha una storia antichissima, tanto è vero che si trova raffigurato in statuette nell’antico Egitto e come cane da compagnia per le nobildonne dell’antica Roma. Non è però originario di Malta, come il nome farebbe pensare, perché fu portato lì dai fenici, che l’avevano trovato probabilmente proprio in Egitto.

È di colore bianco e dal pelo folto, alto tra i 20 e i 25 centimetri per un peso di 3-4 chili. Ama giocare, è molto affettuoso e vivace, tutte caratteristiche che lo rendono un apprezzato cane da compagnia.

 

Papillon

Il cane Papillon è una varietà dell’Épagneul nano continentale, famosa soprattutto perché secondo vari esperti è il cane di piccola taglia più intelligente e più facile da addestrare. Per questo primeggia spesso nelle gare di obbedienza ed è molto apprezzato come cane di famiglia, soprattutto in presenza di bambini.

Il Papillon, cane dalle caratteristiche orecchie
Ha orecchie grandi e molto frangiate, che assomigliano in qualche modo alle ali di una farfalla. Proprio a questo si deve il suo nome, visto che, com’è noto, “farfalla” in francese si dice appunto papillon.

Bulldog francese

Quella del bulldog francese è una razza canina piuttosto recente, visto che è stata creata nell’Ottocento incrociando il bulldog inglese nano con il Carlino e il Terrier. Ne è venuto fuori un cane che misura tra i 28 e i 31 centimetri al garrese e ha un peso consistente, compreso tra gli 11 e i 14 chili.

Molto legato alla sua famiglia, questo cane difende con tenacia il proprio padrone, dimostrando una certa attitudine alla guardia e alla difesa personale, nonostante le dimensioni minute.

 

Pomerania

Originario della regione tedesca (ora polacca) della Pomerania, questo cane è uno di quelli più alla moda negli ultimi anni, stando ai registri internazionali. D’altra parte questo animale è piccolo, di facile gestione, affezionato alla famiglia e di buon carattere.

Un cane pomerania
È anche molto intelligente ed è in grado di imparare molti esercizi, per questo è stato in passato spesso utilizzato come animale da circo per esibizioni di diversa natura.

Carlino

Concludiamo con il Carlino, un cane molossoide originario della Cina che è arrivato in Europa in tempi relativamente recenti e ha avuto successo anche grazie a diverse famiglie regnanti. D’altronde, è un cane sicuramente unico nel suo genere, con il muso schiacciato e un corpo particolarmente compatto.

Dal punto di vista caratteriale è un animale molto attivo e vivace, ma non aggressivo. Nonostante questo si stanca facilmente e tende ad ingrassare. Ama inoltre far parte della famiglia.

 

 

Segnala altre razze di cani di piccola taglia nei commenti.