Il genere mistery è piuttosto vasto e ne può comprendere tanti altri. Essenzialmente però trova la propria identificazione maggiore con la detective story, nonostante nel corso del tempo si sia aperto alla fantascienza, al fantasy, al thriller o all’horror, per fare solo qualche esempio. Perché, a conti fatti, quel che importa è avere un mistero da risolvere, un enigma capace di smuovere la linea narrativa principale e di influenzare quelle secondarie, che può essere di qualunque natura.

Per tutti questi motivi, il mistery (o mystery, che dir si voglia) può includere anche più di un genere allo stesso tempo. È cioè una macro area molto popolare tanto in letteratura quanto al cinema, ma che negli ultimi decenni ha ottenuto grande successo anche nell’ambito del media narrativo più popolare di tutti: quello televisivo.

Le serie TV, d’altronde, sono cambiate molto nel corso degli anni. E questo cambiamento ha riguardato la loro struttura prima di tutto, per non parlare dei contenuti.

Si è passati col tempo dalla natura prettamente episodica a quella dei grandi archi narrativi, fino ad un continuum che le ha avvicinate narrativamente alla forma filmica. Una forma dilatata quanto basta per permettere non solo al mistero di venire dipanato, ma anche per sviluppare un approfondimento emotivo/psicologico che coinvolge personaggi e sottotrame.

In un certo senso, col passare degli anni, il mondo della serialità televisiva si è evoluto in quanto tale ma, soprattutto, si è evoluto anche nei confronti del pubblico e degli addetti ai lavori. E ha permesso così a veri e propri artisti di approcciarsi al media, elevandolo a prodotto autoriale.

Leggi anche: Tutti gli investigatori famosi di libri, film, fumetti e serie TV

Ma qual è il tipo di serie TV che attrae di più lo spettatore, anche quello occasionale? A mio modo di vedere, senza ombra di dubbio, quella mystery.

Avere infatti una matassa da dipanare ti tiene incollato alla poltrona, ti spinge settimana dopo settimana a continuare la visione, ti porta ad elucubrare sulla possibile (o possibili) soluzione.

L’effetto Netflix

Effetto in parte attenuato con l’avvento di Netflix, che propone intere stagioni tutte in una volta, creando una nuova casistica: quella dei divoratori seriali che macinano episodi per arrivare alla soluzione dell’enigma di turno. Che poi non è detto che arrivi.

Oggi quindi parleremo di serie TV mistery, di cinque prodotti seriali imperdibili nel genere e che vi terranno incollati alla poltrona per tutta la loro durata.

 

1. I segreti di Twin Peaks

Nella piccola cittadina di Twin Peaks, vicino al confine col Canada, una mattina viene ritrovato un cadavere avvolto nella plastica. È quello di Laura Palmer, reginetta del liceo locale.

Laura Palmer, la vittima di Twin Peaks

Per investigare sull’omicidio arriverà in paese l’agente speciale dell’FBI Dale Cooper, cercando di risolvere l’enigma di questo inspiegabile omicidio che porterà alla luce molti segreti dell’apparentemente candida cittadina americana.

Non si può non partire da Twin Peaks parlando di serie TV mistery. All’inizio degli anni ’90 non solo tenne gli spettatori di tutto il mondo incollati al televisore, divenendo un vero e proprio caso planetario, ma rivoluzionò il modo stesso di fare televisione seriale. Fino a quel momento le serie erano infatti legate al concetto di sitcom e telefilm e, quindi, di natura quasi esclusivamente episodica.

Ideata da David Lynch e Mark Frost, I segreti di Twin Peaks è il caso più acclamato di mystery televisivo. Al centro c’era una domanda-tormentone che ha tenuto col fiato sospeso più di una generazione: chi ha ucciso Laura Palmer? Era su questo mistero che la serie si concentrava per poi trovarsi a risolverne altri, tutti quelli che affollavano il paesino americano del titolo.

Chi ha ucciso Laura Palmer?

Tra la detective story e l’horror, la commedia e il dramma, le prime due stagioni andate in onda tra il 1990 e il 1991 suscitarono uno scalpore inaudito per l’epoca (e forse ancora oggi) divenendo epigone di un nuovo modo di fare televisione.

Alcuni dei protagonisti delle prime due stagioni de I segreti di Twin PeaksE infatti I segreti di Twin Peaks è la serie TV mistery che ha inaugurato il genere. Interrotta a causa di un calo di ascolti dovuto al prematuro svelarsi del mistero principale e di un leggero calo qualitativo (causato dall’abbandono del co-creatore Lynch), ha però sorpreso tutti con un inaudito ritorno nel 2017.

Proprio poco tempo fa è infatti arrivata la serie evento Twin Peaks, un po’ terza stagione, un po’ film di 18 ore. Che però ritengo adatta a spettatori consapevoli.

 

2. Lost

Il cast di LostIl 22 settembre 2004 l’aereo di linea 815 in volo da Sydney a Los Angeles si schianta presso un’isola disabitata. Sopravvivono in 48, ma i soccorsi tardano ad arrivare e forse quell’isola non è così disabitata come sembra. I sopravvissuti così decideranno di organizzarsi e di far luce sui tanti misteri che avvolgono il luogo.

Credo che Lost per molti sia ancora la serie mystery per eccellenza, avendo tenuto col fiato sospeso milioni di spettatori per ben sei stagioni (più una manciata di episodi speciali) dal 2004 al 2010.

Misteri su misteri si affollano nell’opera ideata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber. Ma si affollano anche personaggi su personaggi con le loro storie, i loro drammi, le loro gioie e paure di cui l’isola diverrà lo specchio in cui saranno costretti a rifletterle.

La serie TV fatta a mistery

Sci-Fi con una spolverata di fantasy, alcune note horror e un continuo andirivieni tra l’action, il drama e la comedy, Lost è la serie TV fatta a mistery, perché sui tanti misteri basa la propria longevità. Che si accumulano, si confondono e conturbano lo spettatore purtroppo dalla quarta stagione in poi senza ritorno.

Da un certo punto in poi sembra infatti che gli autori, nel tentativo di rendere quel successo il più longevo possibile, abbiano perso il bandolo della matassa. Alla fine non tutto viene spiegato e nascono alcune contraddizioni.

Il finale poi ha scontentato molti. Nonostante questo, Lost ha fatto scuola e a quasi dieci anni dalla sua chiusura rimane una visione d’obbligo per tutti gli amanti del mistero e della serialità televisiva in generale.

Lost Serie Completa 1-6
EUR 55,70 EUR 58,89
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Lost Seasons 1- 6
EUR 66,15 EUR 73,50
Generalmente spedito in 24 ore
Lost - Seasons 1-6
EUR 51,75 EUR 51,75
Generalmente spedito in 24 ore

 

3. X-Files

Fox Mulder e Dana Scully sono due agenti dell’FBI molto particolari. Sono stati infatti assegnati agli X-Files, casi apparentemente senza una spiegazione o di natura sovrannaturale.

Episodio dopo episodio, settimana dopo settimana, affronteranno tutti questi casi dovendo stare bene attenti ad un possibile complotto che mira a nascondere l’esistenza degli extraterrestri all’umanità.

X-Files, una delle migliori serie americane degli anni '90X-Files è una serie TV andata in onda dal 1993 al 2002, tra nove stagioni, episodi speciali e film. Ideata da Chris Carter, conserva una natura episodica subordinata a diverse linee narrative, convogliate poi nel corpo centrale della serie.

La verità è là fuori?

Si tratta quindi di fantascienza che cede spesso all’horror, ma anche assolutamente misteriosa, essendo di base anche una detective story atipica. Cosa cercano Molder e Scully per tutta la serie? La verità. E dov’è la verità se non là fuori? Un mistero assoluto che lascia spazio a tante altre domande, puntata dopo puntata.

Sfiorando più volte la distopia, provando a mettere ordine in un complotto governativo e deviato, X-Files è comunque una storia di uomini e dei mostri che albergano dentro di loro. Fantasmi che possono non avere nulla di sovrannaturale.

Leggi anche: Cinque luoghi infestati in Italia e all’estero

Senza ombra di dubbio ha fatto scuola negli anni ’90 ed è divenuta un cult assoluto, quasi una religione. Attualmente è il mystery fantascientifico più famoso di sempre, tanto da meritarsi un recentissimo ritorno: una stagione nel 2016 e una nel 2018.

X-Files - Stagione 11
EUR 29,74 EUR 29,74
Generalmente spedito in 24 ore
X Files s1 -s10 + Essential
EUR 89,90 EUR 159,99
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
X-Files - Stagione 11
EUR 18,90 EUR 20,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi

 

4. True Detective

True Detective è una serie antologica (con stagioni indipendenti tra loro) di genere poliziesco. Ogni stagione è dedicata ad un caso diverso, con protagonisti diversi. Alle prime due (2014 e 2015) se ne sta per aggiungere una terza.

Come mai la inserisco tra le serie mistery? Perché è proprio di questo che si tratta, seppur in maniera atipica. In quanto detective story, ovviamente, si approccia al genere cercando di risolvere un mistero, nella prima splendida stagione la ricerca di un serial killer, nella seconda – sottotono – la risoluzione di un omicidio.

I due protagonisti della prima stagione di True Detective, Matthew McConaughey e Woody Harrelson
I due protagonisti della prima stagione di True Detective, Matthew McConaughey e Woody Harrelson

Il mistero da svelare, però, è in entrambi i casi quello assoluto dell’animo umano. True Detective è una discesa negli inferi, una battaglia contro se stessi e contro un nemico che resta invisibile e di cui quasi non ci importa.

Quindi per questa serie resta imprescindibile un’analisi su più livelli. Evoluzione del genere, per quanto mi riguarda, essendo proprio il lato mistery un pretesto per poter parlare di altro. Ad ogni modo, la prima stagione ha già fatto scuola ed è considerata da molti tra le più belle degli ultimi anni.

 

5. Sherlock

Sherlock Holmes è un detective privato sopra le righe, sociopatico ma intelligentissimo, in grado di utilizzare il metodo di indagine deduttivo come nessuno al mondo. Tra collaborazioni con la polizia e casi privati di volta in volta differenti, si ritroverà in compagnia del fido Watson a risolvere i misteri più assurdi.

Sherlock è una serie televisiva britannica andata in onda tra il 2010 e il 2017, liberamente tratta dalle opere di Sir Arthur Conan Doyle. Creata da Steven Moffat e Mark Gatiss, è interpretata da Benedict Cumberbatch (Sherlock Holmes) e Martin Freeman (John Watson).

Benedict Cumberbatch, il più celebre attore ad aver interpretato Sherlock Holmes alla TV inglese
È formata da quattro stagioni (più una quinta ufficialmente in arrivo1) dal taglio particolarissimo (3 episodi di 90 minuti l’uno), più l’episodio speciale dal titolo L’abominevole sposa, in cui i racconti scritti da Doyle vengono riletti in chiave contemporanea.

Nonostante la struttura episodica, però, tutte le stagioni seguono archi narrativi ben precisi che fanno da collante tra le puntate.

Una rilettura del più grande detective del mondo in chiave contemporanea

Forse in questo caso abbiamo il mystery per antonomasia, perché è inutile cercare di seguire le indagini e anticiparne le risoluzioni. Sherlock è troppo avanti, troppo bravo per noi che non possiamo far altro che metterci nelle sue mani.

Una parte del cast di Sherlock, la bella serie TVAlla fine sappiamo che il mistero verrà dipanato, anche se capire come non è di nostra competenza. Qui viene il bello. Possiamo solo porci domande e subire gli ottimi dialoghi e l’incredibile costruzione di una serie TV che avrebbe dovuto riporre i remi in barca al termine della quarta stagione, ma che si è rivelata un successo così grande da meritarne una quinta.

E poi chissà. Di certo chi cerca misteri che solo il più grande detective del mondo può risolvere non se la può perdere.

 

Note e approfondimenti

  • 1 Qui alcune tra le ultime news al riguardo.

 

Segnala altre serie TV mistery da vedere nei commenti.