21 città italiane da visitare in 2 giorni

Le migliori città italiane da visitare in 2 giorni

L’Italia è un paese pieno di bellissime città, non serve neppure ribadirlo. Eppure, forse proprio per questa grande abbondanza, a volte è difficile scegliere dove andare, su quali mete puntare, soprattutto quando magari si hanno a disposizione pochi giorni, giusto un paio, o un weekend. Se state cercando l’obiettivo della vostra prossima gita, però, vi aiutiamo noi: qui di seguito troverete un elenco delle migliori città italiane da visitare in due giorni.

Sulle prime cinque, come vedrete, spenderemo qualche parola di più, presentandovele in ordine da nord a sud. Sulle restanti sedici, invece, saremo un po’ più sintetici, ma vi daremo comunque le informazioni principali per orientarvi nella scelta. Procediamo.

 

1. Genova

Partiamo dalla parte più occidentale dell’Italia e cioè dalla Liguria e in particolare da Genova. Il capoluogo ligure, infatti, è molto grande ma può essere visto piuttosto bene anche in solo due giorni, concentrandosi su alcune mete specifiche.

In breve
Una città dalla storia millenaria
L’Acquario e gli altri musei legati al mare
La Cattedrale di San Lorenzo
Dintorni ricchi di fascino

Sicuramente il luogo d’attrazione più interessante, sia per gli adulti e che soprattutto per i bambini, è il celebre Acquario della città, che non può mancare in una lista delle cose da vedere. Sempre legato al mare, poi, c’è appunto il Museo del Mare a cui, se amate i posti chiusi, vi consigliamo di aggiungere il Museo Nazionale dell’Antartide.

Visto però che Genova vanta secoli di storia illustre, di sicuro non può mancare un ampio giro del centro storico, soffermandosi in particolare sulla Cattedrale di San Lorenzo, forte di almeno mille anni di storia, con affreschi e sculture di grande pregio. Nei sotterranei, inoltre, ha sede il Museo del Tesoro di San Lorenzo.

Il Porto Antico di Genova con l'acquario

Inoltre bisogna anche considerare che ai due giorni genovesi se ne possono aggiungere anche altri nei dintorni, in modo da sfruttare al meglio un ponte lungo oppure addirittura una settimana di vacanza.

Se ci si spinge relativamente distanti si può arrivare anche alle Cinque Terre, ma più vicino a Genova ci si può “accontentare” anche di Camogli, Portofino o Rapallo. Si tratta di luoghi romanzeschi, amati dalle coppie ma anche delle famiglie, ricchi di fascino e di baie fantastiche come, ad esempio, la Baia del Silenzio.

 

2. Mantova

Spostiamoci ora in Lombardia con Mantova, nella parte più meridionale e orientale della regione, giusto al di sotto del Lago di Garda che effettivamente, in caso di vacanza prolungata, offre delle ulteriori mete molto interessanti nelle vicinanze.

In breve
Importantissima città rinascimentale
Belli i palazzi, opera di grandi architetti
Il grande Palazzo Ducale
Vicinissimo c’è il Lago di Garda

Concentriamoci però prima di tutto sulla città che vanta un grande passato medievale e soprattutto rinascimentale, tanto da essere considerata una piccola gemma di quel periodo. Se nell’antichità la città ha dato i natali a Virgilio, ha infatti vissuto il suo momento di massimo splendore tra il XIV e XVIII secolo sotto i Gonzaga.

Meritano una visita soprattutto i bei palazzi ancora ben conservati, come Palazzo Te, appena fuori dal centro storico e progettato da Giulio Romano, ma anche la Rotonda di San Lorenzo in Piazza delle Erbe, voluta addirittura da Matilde di Canossa.

Piazza Sordello a Mantova col Palazzo Ducale

Dopo una capatina alla Basilica di Sant’Andrea, proprio di fronte alla Rotonda e progettata da Leon Battista Alberti, vi consigliamo di puntare direttamente su Palazzo Ducale, che all’epoca della sua edificazione era una delle più ampie e maestose regge europee.

Il palazzo è visitabile all’interno, in modo da scoprirne i giardini e i percorsi, oltre che le stanze rinascimentali. Culmina infine nel Castello di San Giorgio, simile per certi versi a quello di Ferrara di cui parleremo tra poco. Inoltre considerate che la città ospita anche manifestazioni culturali tra cui il festivaletteratura.

 

3. Ferrara

Se Mantova è un ottimo esempio di città rinascimentale, Ferrara non le è certo da meno. Il capoluogo di provincia emiliano sorge d’altra parte a non troppi chilometri da quello lombardo e ha avuto anch’esso una storia importante grazie alla dominazione della famiglia d’Este.

In breve
Altra bella città rinascimentale
Il simbolo è il Castello Estense
Palazzo dei Diamanti con belle mostre d’arte
Giratela in bicicletta

Il centro storico ha, in generale, un’impostazione medievale, con piazze da cui si irradiano, a raggiera, diverse importanti strade, ma non mancano neppure gli spazi ariosi e geometrici, nel puro stile del Rinascimento. Anche qui, d’altra parte, ciò che salta primariamente gli occhi sono i palazzi.

Sicuramente il simbolo principale della città è il Castello Estense, ancora ben conservato e visitabile all’interno, segno della potenza della famiglia che dominava in zona. Celebre è però anche Palazzo dei Diamanti, poco distante dalle piazze principali, in cui tra l’altro vengono sempre ospitate importantissime mostre d’arte1.

Il centro di Ferrara visto dal Castello Estense

A Ferrara non mancano poi neppure i musei, come il Museo Archeologico o quello dedicato a Michelangelo Antonioni, celebre regista ferrarese. Vi consigliamo però soprattutto una visita alla Cattedrale, splendido esempio di architettura gotica e rinascimentale, dove trova sepoltura anche un papa, Urbano III.

L’aspetto però per cui Ferrara è più famosa è in genere la sua vivibilità. Da molto tempo, infatti, è la città italiana con il maggior numero di biciclette per abitante e, se vi ci fermate per un paio di giorni o un weekend, vi conviene davvero noleggiare delle bici e girarla in lungo e largo, in modo da goderla appieno.

 

4. Perugia

Spostiamoci adesso verso il centro Italia, dove abbiamo scelto di segnalarvi la città di Perugia, bella ed entusiasmante ma anche capace di concedervi le sue cose più importanti in appunto un paio di giorni di visita.

In breve
La bellezza di Piazza 4 Novembre
Vita cittadina e splendida vista
Provate la cucina umbra
Nei dintorni, Assisi e Spello

Il punto focale della città è sicuramente Piazza 4 Novembre, in cui si trovano tutti i principali monumenti perugini. Celebri sono infatti la Fontana Maggiore, la Cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Priori, tutti monumenti che meritano una visita approfondita e che vi lasceranno a bocca aperta.

Dopo esservi rifocillati in qualche ristorante locale, visto che la cucina umbra merita sicuramente un ruolo in questa vostra visita, vi consigliamo di avviarvi verso via Maestà delle Volte per giungere fino all’Arco Etrusco. Durante il percorso, interessante anche dal punto di vista monumentale, guardatevi attorno per godere dell’ottima vista.

Piazza IV Novembre a Perugia

Infine, se amate i musei, è d’obbligo una capatina alla Galleria Nazionale, mentre se invece preferite la vita cittadina vi consigliamo di passeggiare per Corso Vannucci. Se poi, infine, siete dotati di automobile e volete prolungare la vacanza, ci sono importanti mete anche nei dintorni.

Sicuramente la cittadina più celebre vicino a Perugia è Assisi, luogo di nascita di San Francesco e piena di arte, spesso concentrata attorno alla chiesa dedicata al santo. Altrimenti, puntate anche su Spello, uno dei porti più belli e caratteristici d’Italia, che vi permetterà letteralmente di fare un salto indietro nel tempo.

 

5. Matera

Concludiamo la prima parte della nostra lista con una città del sud estremamente caratteristica e famosa in tutto il mondo: Matera. Anzi, a dire il vero la cittadina della Basilicata non è solo una delle più famose al mondo ma anche una delle più antiche, come dimostrano i suoi caratteristici sassi.

In breve
La città dei celebri sassi
Una vista unica al mondo
Il Museo della Scultura
Nelle vicinanze c’è Alberobello

Essi sorgono nella parte orientale della città e sono costituiti da case che assomigliano a grotte, raccordate tra loro da cunicoli, strade, scalinate, piazze che sorgono al di sopra di uno sperone roccioso. Le abitazioni sono pertanto ricavate da scavi nel tufo a ridosso di una gola, la Gravina.

Questa loro caratteristica e anche la posizione così impervia hanno preservato la città nel corso dei secoli permettendole di resistere agli assedi dei nemici. E oggi ammirare questa particolarissima cittadina è davvero una gioia per gli occhi e per lo spirito.

I celebri sassi di Matera

Si badi bene, però: Matera non è solo i sassi. C’è anche una gustosa cucina tipica che vi consigliamo di assaggiare, povera ma saporita, e poi ci sono anche il Parco della Murgia Materana, varie chiese e soprattutto il Museo della Scultura Contemporanea, detto anche MUSMA.

Visto poi che la città può essere visitata anche in un solo giorno (magari accelerando un po’ gli spostamenti), è possibile concedersi, nella seconda giornata, qualche capatina nelle vicinanze. In questo senso la meta principale è sicuramente Alberobello, in Puglia ma comunque vicina a Matera, coi suoi caratteristici trulli.

 

Altre 16 città italiane da visitare in 2 giorni, oltre alle 5 già segnalate

Come abbiamo scritto in apertura, in questo articolo vi presentiamo ben ventuno mete per un weekend breve o appunto un paio di giorni di vacanza. Sulle prime cinque abbiamo dato qualche informazione in più ma, visto che non si smette mai di viaggiare, pensiamo sia utile fornirvi un elenco più veloce anche di altre mete molto interessanti. Eccole.

 

Como

Seguiamo nuovamente il criterio geografico da nord a sud e partiamo da Como, città straordinaria perché si affaccia su un bellissimo lago e anche per le sue architetture, visto che è considerata in un certo senso il capoluogo del razionalismo architettonico sviluppatosi durante il fascismo.

Como vista dall'alto
Oltre alle bellezze legate al lago, consigliamo di visitare il Museo della Seta, punto imprescindibile per gli amanti della storia locale, il Novocomum, il Monumento ai Caduti e l’ex Casa del Fascio, oltre ovviamente al magnifico Duomo, a Palazzo Broletto e a Villa Olmo.

Bergamo

Sempre in Lombardia merita di essere segnalata anche Bergamo, città che in realtà meriterebbe di essere divisa in un certo senso in due. La Città Alta, infatti, è quella più interessante dal punto di vista artistico e anche quella più veloce da visitare, per via delle sue dimensioni ridotte. La Città Bassa, invece, è quella più moderna.

Sicuramente nella parte alta bisogna passare del tempo nella Piazza Vecchia, visitandone i palazzi, la Torre Civica e soprattutto la Basilica di Santa Maria Maggiore e il Duomo. Comunque magari nel secondo giorno riservate un giro anche alla Città Bassa, dove ci sono palazzi cinquecenteschi e, spesso, manifestazioni culturali.

 

Trieste

Trieste è una città molto grande che può essere vista anche in svariate giornate. Pensiamo però che in due giorni si riescano a cogliere gli elementi più importanti di questo porto secolare che è stato – e che in parte è ancora – uno dei centri della cultura italiana e mitteleuropea.

Il Castello di Miramare
In città bisogna godersi sicuramente il centro storico che si affaccia sul mare, con Piazza Unità d’Italia e i caffè frequentati da Svevo, Joyce e Saba. Un po’ fuori, ma imperdibile, è poi il Castello di Miramare, fatto costruire dagli austriaci e poi sfruttato anche dai Savoia.

Verona

Quando si pensa a Verona si pensa soprattutto a due cose, che effettivamente sono molto importanti ma che rappresentano solo una parte di quello che la città veneta ha da offrire. Stiamo parlando della Casa di Giulietta e dell’Arena.

La prima è una casa medievale in cui, secondo la tradizione, avrebbe vissuto la protagonista della tragedia di Romeo e Giulietta scritta da Shakespeare. La seconda è una celebre arena romana ancora molto utilizzata per concerti e spettacoli. Ma passate almeno anche per Piazza delle Erbe, Piazza Bra e per la Basilica di San Zeno Maggiore.

 

Lucca

In Toscana bisogna segnalare alcune città ricche di storia e di fascino. Quella più a nord è Lucca, famosa per le sue antiche mura ancora ben conservate, che chiudono completamente il centro storico. E proprio questo centro è il fiore all’occhiello della città, capace di dare al visitatore una piena ambientazione medievale.

Il centro storico di Lucca
Oltre alle strade del centro, perlopiù pedonali, vi consigliamo comunque di visitare assolutamente Piazza Anfiteatro, di forma ovale, e di dare un’occhiata a tutti i palazzi che vi si affacciano; inoltre non dimenticate il Duomo di San Martino. Infine, meritano una menzione la Torre Guinigi, la Chiesa di San Michele in Foro e il Parco di Pinocchio.

Pisa

Pisa è da sempre la grande rivale di Lucca e, d’altra parte, non può certo mancare in questo elenco. Il suo patrimonio artistico è di livello mondiale, ma può essere comunque visitata in maniera più che decente anche in due giorni. Il suo monumento più famoso è, ovviamente, la Torre pendente della Cattedrale di Santa Maria Assunta.

D’altronde anche Piazza dei Miracoli, così chiamata da Gabriele D’Annunzio, presenta numerosi elementi di interesse, tanto da essere riconosciuta come patrimonio dell’UNESCO, grazie anche al Battistero di San Giovanni e al Camposanto Monumentale. Non dimenticate, però, di visitate anche Piazza dei Cavalieri coi suoi importanti palazzi.

 

Urbino

Spostiamoci nelle Marche per Urbino, città famosa soprattutto per l’arte rinascimentale, visto che è stata la patria di Raffaello Sanzio ma è anche da secoli un importante centro di produzione di maioliche. Piena di chiese e palazzi nel suo centro storico, è anch’essa patrimonio dell’UNESCO.

Il Palazzo Ducale di Urbino
Se amate l’arte, insomma, non potete non mancare questa visita, partendo da Palazzo Ducale e passando poi per la casa di Raffaello, il Duomo e l’Oratorio di San Giovanni Battista. Troverete anche opere, oltre che del Sanzio, di Piero della Francesca e Federico da Montefeltro. Menzione d’obbligo, infine, per la Fortezza Albarnoz.

Ancona

Ancona, che delle Marche è il capoluogo, non è forse molto famosa come meta per weekend e gite fuori porta, eppure i motivi di interesse non sono affatto pochi, soprattutto se si allarga un po’ il cerchio ai dintorni della città. Infatti Ancona è piuttosto antica e sorge ai piedi dell’interessante Monte Conero.

In città bisogna vedere il porto, il Duomo, l’Arco di Traiano e la Chiesa di Santa Maria della Piazza, oltre che eventualmente il Museo Archeologico. Nei dintorni conviene puntare sulla Riviera del Conero, soprattutto se la stagione lo consente, ed eventualmente sulle bellissime Grotte di Frasassi o sulla cittadina di Fabriano.

 

Viterbo

Scendiamo del tutto verso il centro Italia fermandoci a Viterbo, nel Lazio, altra città di origine medievale con un bellissimo centro storico. Qui si trovano il Palazzo dei Papi, le Terme dei Papi, Villa Lante e la Cattedrale di San Lorenzo.

Il Palazzo dei Papi a Viterbo
Se potete scegliere il periodo in cui recarvi in città, vi consigliamo l’inizio di settembre visto che il 3 di quel mese si svolge il trasporto della Macchina di Santa Rosa, una manifestazione storica che coinvolge la popolazione e fa parte dei patrimoni immateriali dell’umanità sempre dell’UNESCO.

L’Aquila

L’Aquila è stata sicuramente colpita in maniera molto dura dal terremoto del 2009. Da allora però sono passati più di 10 anni e il patrimonio artistico e culturale della città è stato in parte recuperato. Vi consigliamo di visitare, in questo senso, la Chiesa di Santa Maria Paganica, barocca, e il Duomo, dalla facciata neoclassica.

Il simbolo della città è comunque la Fontana delle Novantanove Cannelle, ma appartengono alla storia cittadina anche il Forte Spagnolo e le varie basiliche. Infine vi segnaliamo il MunDA, Museo Nazionale d’Abruzzo, interessante perché conserva anche lo scheletro di un mammut rinvenuto nei pressi della città.

 

Salerno

In Campania sono molti i territori che meritano una visita approfondita, ma forse, se si hanno a disposizione solo due giorni, ci sembra che la meta preferibile sia quella di Salerno, bella città costiera che offre un lungo e incantevole litorale, il Lungomare Trieste, in cui si può piacevolmente passeggiare.

Il Lungomare Trieste a Salerno
In generale, però, tutto il centro storico merita una visita, soffermandoci sul bel Duomo cittadino ed eventualmente sul Museo Archeologico provinciale e sul Giardino della Minerva. Infine non va dimenticato che a poca distanza c’è la stupenda Costiera Amalfitana.

Lecce

In Puglia abbiamo scelto, tra le varie opportunità, la bella città di Lecce, ricca di palazzi barocchi, stradine e vicoli che rendono ogni passeggiata veramente unica. Il simbolo della città è la Basilica di Santa Croce, ma meritano di essere viste anche Piazza Duomo e l’Anfiteatro Romano.

Poi, ovviamente, il vantaggio di Lecce è quello di essere anche il capoluogo del Salento e quindi di offrire a breve distanza spiagge memorabili e scorci naturali. Tra le cittadine poi vi suggeriamo in particolare Otranto, che merita decisamente una visita.

 

Cagliari

Cagliari è ovviamente il capoluogo della Sardegna e di sicuro non la si può visitare semplicemente in auto, con una veloce gita fuori porta. Se provenite dalla penisola dovete programmare un giro più ampio in Sardegna ma due giorni teneteli da parte proprio per il capoluogo, bello, giovane e visitabile tutto l’anno.

I palazzi di Cagliari
In città è presente un bel Castello che comprende anche l’antica rocca e un quartiere storico ancora in parte in uso. Poi sono vari i palazzi importanti, come il Vecchio Municipio o la Cattedrale. Se amate la storia, infine, è piuttosto interessante anche il Museo Archeologico Nazionale.

Crotone

Crotone è una città antichissima, che secondo la leggenda fu fondata addirittura da Ercole e che divenne poi la sede della scuola pitagorica. Per questo è d’obbligo in città una visita al Museo Archeologico e ai resti del Santuario di Hera.

Inoltre nella località Le Castella si può visitare appunto un castello di origine aragonese che fu usato come set del film Brancaleone alle crociate di Mario Monicelli e che di sicuro solleticherà la vostra curiosità. Infine, nelle vicinanze, c’è anche l’area naturale Marina Capo Rizzuto, veramente incantevole.

 

Trapani

In Sicilia partiamo da Trapani, che si colloca piuttosto a nord anche se all’estremo est dell’isola. Una città a volte ignorata dai turisti ma molto significativa per via del suo bel centro storico, aristocratico e in parte decadente, e per questo molto caratteristico.

Il mare di Trapani
L’elemento però forse più interessante sorge a pochi chilometri dal centro cittadino, dove si può andare incontro alle bianche saline e in particolare a quelle di Marsala, con mulini che si specchiano letteralmente nell’acqua. Nel porto, poi, merita una menzione il Castello della Colombaia.

Modica

Concludiamo con Modica, città sempre siciliana che vanta un centro storico anch’esso patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e soprattutto una produzione di cioccolato talmente celebre di aver ricevuto la denominazione IGP. Situata in provincia di Ragusa, la città però è anche bella, oltre che “buona”.

Dal punto di vista architettonico, qui dominano gli edifici barocchi, come il Duomo di San Giorgio. Inoltre in città si possono visitare la casa di Salvatore Quasimodo e, se siete fan della serie TV, anche molti luoghi del commissario Montalbano. Nelle vicinanze infine, c’è la straordinaria Val di Noto.

 

E voi, quale città italiana da visitare in 2 giorni preferite?

Note e approfondimenti

  • 1 Qui il sito ufficiale per consultare cosa è esposto in questo momento.

 

Abbiamo dimenticato qualche altra meta valida? Segnalacela nei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here