I cinque finali attesi più a lungo secondo Francesco Artibani

Dopo molti anni, la saga di Monster Allergy giunge a conclusione

La copertina del trentesimo episodio di Monster AllergyChi ha abbastanza primavere sulle spalle ed è appassionato di fumetti Disney non potrà non ricordare con un brivido di nostalgia la serie di Monster Allergy.

Basta ritornare con la memoria al 2003, quando la Disney sembrava una vera fucina di idee in fermento. Con un formato originale – e in parte sotto l’etichetta Buena Vista Comics – furono infatti lanciati vari progetti slegati dal tradizionale universo di topi e paperi, tutti molto interessanti. Di particolare successo fu quello creato da un quartetto di autori che in parte proprio sulle pagine di Topolino era cresciuto: Francesco Artibani, Katja Centomo, Alessandro Barbucci e Barbara Canepa. Un progetto dal titolo evocativo di Monster Allergy.

Protagonisti della serie erano due ragazzini molto diversi tra loro. Da un lato c’era Zick, di 10 anni, un giovanotto pieno di allergie e timido ma in realtà domatore di mostri appartenente a una gloriosa dinastia nel settore. Dall’altro c’era Elena Patata, sua nuova vicina di casa e presto aiutante nella lotta e nella scoperta di una realtà invisibile agli occhi come quella dei mostri. Infine, a fare da supporto a entrambi, il simpatico Bombo. Le avventure che i tre vivevano erano pensate in un certo senso per “bambini cresciuti”: lettori dai preadolescenti fino agli adulti, che potevano gustarsi i diversi livelli delle storie.

Quella serie tanto amata, da cui è stato tratto anche un cartone animato prodotto da Iginio Straffi, si chiuse improvvisamente col numero 29. Da allora, e cioè dal 2006, la storia è rimasta sospesa, senza che gli appassionati potessero sapere cosa accadeva a Zick ed Elena. Un finale che però è finalmente arrivato. La Tunué infatti ha deciso di colmare la lacuna, pubblicando due volumi che ristampano tutta la produzione precedente e vi aggiungono un finale, l’episodio 30.

I due libri sono molto corposi, visto che entrambi veleggiano sopra le 750 pagine, ma vengono venduti all’interessante prezzo di 50 euro. In alternativa, se si dispone già della serie completa, si può comprare anche solo l’ultimo episodio a 5 euro. Autori della storia sono, come ai bei tempi, Centomo, Artibani, Barbucci e Canepa. Una serie di uscite che faranno la loro ottima figura sotto l’albero di Natale di ragazzi e adulti.

Vista l’occasione, abbiamo chiesto proprio a Francesco Artibani di scegliere una cinquina per noi. Lo sceneggiatore romano lo conoscete bene: da anni è una colonna di Topolino ma anche di tutta l’animazione italiana (dalle Winx a Le straordinarie avventure di Jules Verne). A lui si devono anche le storie del recente rilancio di PK. E visto che la sua serie ritorna in libreria dopo così tanto tempo, gli abbiamo chiesto di scegliere cinque finali che sono stati attesi molto a lungo. Ecco l’elenco che ha stilato.

 

Il trono di spade

Una conclusione che appare lontanissima

Eddard Stark ne Il trono di spadePer scegliere il suo primo attesissimo finale, Artibani parte dal fantasy. Per quei pochi che ancora non la conoscessero, Il trono di spade è la serie TV che ha reso celebre la saga letteraria delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco di George R.R. Martin. Finora sono usciti cinque romanzi, che nella traduzione italiana sono stati “spalmati” in dodici volumi, ma a detta dell’autore mancano almeno altri due capitoli.


Leggi anche: Le cinque religioni di Westeros, il Continente Occidentale delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

«Ho seguito la saga di George R.R. Martin sin dal suo esordio letterario – spiega Francesco Artibani –, con un bel po’ di anticipo rispetto al serial televisivo realizzato da HBO. I tempi geologici con cui l’autore scrive i suoi romanzi sono compresi nel pacchetto completo, ma di fatto mai come per queste Cronache del Ghiaccio e del Fuoco la conclusione mi appare lontanissima».

 

La torre nera

Mettere da parte i libri di Stephen King per leggerli tutti d’un fiato

La copertina del settimo volume della saga di Stephen King«Per una saga letteraria ancora in corso eccone un’altra conclusa dopo una lunga attesa – continua lo sceneggiatore –. Dalla fine degli anni Ottanta al 2004 (con il supplemento del 2012, La leggenda del vento) le vicende del Pistolero e il suo viaggio verso la Torre Nera hanno messo a dura prova la pazienza del pubblico. Da Fedele Lettore di Stephen King mi sono trovato per la prima volta a dubitare di lui, preferendo mettere da parte i libri senza leggerli finché non fosse arrivato il finale. L’attesa è stata premiata».

La serie di romanzi firmati dal re dell’horror si compone di 8 volumi usciti tra il 1982 e il 2012. Quello che ha posto le basi di tutto è stato L’ultimo cavaliere, che presentava già quella commistione tra fantasy, fantascienza, horror e western caratteristica della saga. Poi sono venuti La chiamata dei Tre, Terre desolate, La sfera del buio, I lupi del Calla, La canzone di Susannah, La torre nera e infine, a distanza di 8 anni dal precedente, La leggenda del vento.

 

Storia di Astarte

L’ultimo lavoro (incompiuto) di Andrea Pazienza

Una vignetta di Storia di Astarte, ultimo racconto di Andrea PazienzaPassiamo per un attimo al fumetto, per una storia che è in realtà senza finale. «Storia di Astarte – ci racconta Artibani – è l’ultima storia di Andrea Pazienza, rimasta incompiuta nel 1988 sulle pagine della rivista Comic Art. Per questo racconto non c’è più attesa ma solo un grande rimpianto. È stato svelato quale sarebbe stato il suo finale ma ancora oggi ogni tanto mi capita di pensare, fantasticando, a chissà in quale modo straordinario l’avrebbe reso il suo autore».

L’Astarte del titolo è il mastino di Annibale, il celebre condottiero cartaginese. La storia della spedizione del soldato viene quindi raccontata attraverso gli occhi di un cane, dalla sua nascita in Spagna fino all’arrivo in Italia. Si sa come la storia si sarebbe dovuta concludere: con la morte di Astarte a Zama, nella famosa battaglia che segnò la sconfitta di Annibale. Ma Pazienza non riuscì mai a disegnare quelle tavole, perché scomparve nel giugno del 1988, un mese prima che la sua ultima storia andasse in stampa.

Le straordinarie avventure
EUR 18,70 EUR 22,00
Generalmente spedito in 24 ore
Pippo. Antologia psicotropa
EUR 20,40 EUR 24,00
Generalmente spedito in 24 ore
Gli ultimi giorni di Pompeo
EUR 17,00 EUR 20,00
Generalmente spedito in 24 ore

 

Il mistero di Edwin Drood

Quando Charles Dickens lasciò tutti in sospeso

La copertina di una delle prime edizioni de Il mistero di Edwin DroodA proposito di storie incompiute a causa della morte dell’autore, anche in ambito letterario c’è un esempio famoso. Si tratta de Il mistero di Edwin Drood, ultimo romanzo di Charles Dickens, pubblicato postumo (e incompleto) nel 1870. In questo libro si narra della scomparsa dell’Edwin del titolo poco prima del suo matrimonio, in circostanze misteriose; mistero su cui si mettono ad indagare la fidanzata e lo zio dello scomparso.


Leggi anche: Cinque fondamentali libri incompiuti

«“Falli ridere, falli piangere, falli aspettare”, diceva l’editore di Charles Dickens – ci spiega Artibani per spiegarci perché ha inserito questo libro nella lista –. Però questo forse è un po’ troppo, visto che è dal 1870 che stiamo aspettando di sapere se Edwin è morto o è fuggito. Fruttero & Lucentini hanno provato a indagare su questo enigma ma la loro opera, pure affascinante, è stata solo un palliativo». Altri tentativi di risolvere il mistero sono arrivati anche dagli scrittori Leon Garfield, Matthew Pearl e Dan Simmons. «Malgrado questo brutto scherzo – conclude l’autore di Monster Allergy –, Dickens resta il mio scrittore preferito».

 

Monster Allergy

Dopo quasi dieci anni

La copertina del primo volume della Deluxe Edition di Tunué«Qui gioco in casa. Questa serie era stata interrotta dopo 29 numeri e oggi, dopo quasi dieci anni dalla sua conclusione, io, Katja Centomo, Alessandro Barbucci e Barbara Canepa siamo riusciti a completare un racconto mettendo allo stesso tempo le basi per un nuovo inizio. Zick ed Elena, i due protagonisti, per me sono un po’ più di due semplici personaggi dei fumetti e per un bizzarro senso di responsabilità sono contento di aver saldato il debito con loro (oltre che con i lettori)».

Il primo volume della Deluxe Edition è già uscito e disponibile; il secondo seguirà a breve. Dal sito di Tunué è possibile anche acquistare in preordine il cofanetto in edizione limitata, oltre al secondo volumone. Inoltre, è disponibile l’albo Aspettando Monster Allergy con diverse cover variant e, a 16,90 euro, il volumetto Monster Allergy Extra.

 

Segnala altri finali attesi molto a lungo nei commenti.