I cinque nomi di battesimo femminili più usati in Italia negli ultimi cinque anni

I nomi femminili dati più spesso in Italia

Qualche tempo fa vi abbiamo presentato la classifica dei cinque nomi maschili più usati nel quinquennio compreso tra il 2009 e il 2013; oggi completiamo l’opera con i nomi femminili, riferendoci sempre a quel periodo di tempo visto che l’ISTAT non ha ancora fornito dati più recenti; di tutti vi presenteremo il significato, i personaggi famosi che lo portano o lo hanno portato nel corso della storia, il santo protettore e le varianti nelle altre lingue. Inoltre, in chiusura, vi presenteremo la classifica fino alla quindicesima posizione. Procediamo.


Leggi anche: I cinque nomi di battesimo maschili più usati in Italia degli ultimi cinque anni

 

Sofia

Una sapienza in rapida ascesa

Sofia Coppola durante una premiazioneAl primo posto assoluto – e al primo posto in ognuno degli ultimi quattro anni – si trova il nome di Sofia, tornato prepotentemente di moda col passaggio al nuovo millennio, dopo che per molto tempo è stato considerato un nome piuttosto raro e ricercato. Sono in tutto più di 40mila le bambine che invece hanno ricevuto questo nome nell’ultimo lustro, un dato poco superiore a quello di Giulia che, come vedremo, si piazza appena dietro; e il fatto particolare è che dopo Sofia e Giulia, ognuno sopra quota 40mila, c’è letteralmente il baratro, perché il terzo nome in classifica, Martina, arriva appena a quota 28mila bambine. Il nome deriva dal greco antico e significa “saggezza” o “sapienza”, come è evidente anche nella parola “filosofia“, che significa appunto “amore per la sapienza”. L’onomastico è festeggiato il 30 settembre in onore di santa Sofia, che fu martirizzata nel II secolo a Roma assieme alle sue tre figlie.

I personaggi famosi che portano questo nome non sono in Italia tantissimi, proprio per il fatto che è stato a lungo piuttosto raro. La più famosa è probabilmente Sophia Loren, il cui vero nome è Sofia Villani Scicolone, poi cambiato, anche nella scrittura, per renderlo maggiormente “esterofilo”. Se invece ci si sposta fuori dai nostri confini nazionali, il nome Sofia lo si ritrova spesso all’interno di famiglie di alto lignaggio: si ricordano l’arciduchessa Sofia di Baviera, madre di Francesco Giuseppe d’Austria, la duchessa di Baviera Sofia Carlotta e molte altre principesse tedesche; inoltre non si può non menzionare la regista italoamericana Sofia Coppola, figlia di Francis Ford Coppola e vincitrice di un Oscar con Lost in Translation. Sempre sul versante degli attori, infine, ricordiamo la colombiana Sofia Vergara.



Le varianti del nome nelle varie lingue sono parecchie; già in italiano si incontra Sonia, mentre è abbastanza comune incappare nella traduzione inglese Sophie (usato, nella stessa scrittura, anche in tedesco e francese) o nel russo Sofija. Ma è soprattutto nei libri – e quindi per personaggi fittizi – che il nome è stato usato nel corso del Novecento: si chiamano Sofia i personaggi dei libri Il GGG di Roald Dahl, La ragazza drago di Licia Troisi, Il mondo di Sofia di Jostein Gaarder, Il codice da Vinci di Dan Brown, Tom Jones di Henry Fielding e La scelta di Sophie di William Styron, da cui è stato tratto un celebre film.

 

Giulia

L’unico nome in grado di tener testa a Sofia

La giovane giornalista Giulia InnocenziAl secondo posto, come detto, troviamo Giulia, molto vicino numericamente a Sofia e molto superiore ai diretti inseguitori; un nome che, tra l’altro, fino al 2009 era abbastanza stabilmente al primo posto, prima che Sofia “rimontasse” e gli soffiasse il primato. L’origine anche in questo caso è piuttosto antica: Giulia deriva infatti dal cognomen latino Iulia, che indicava una delle famiglie più illustri del mondo romano, a cui appartenevano Giulio Cesare, Ottaviano Augusto e Caligola. Il nome divenne poi comune tra le cristiane romane, anche grazie ad alcune fedeli che si sacrificarono col martirio; l’onomastico è infatti celebrato il 22 maggio in onore di santa Giulia, che fu martirizzata in Corsica ma è anche patrona della città di Livorno.

Tra le Giulie italiane famose della storia bisogna menzionare Giulia Beccaria, figlia di Cesare e madre di Alessandro Manzoni, Giulia Agrippina Augusta, madre di Nerone, Giulia Farnese, amante di Alessandro VI, e Giulia Gonzaga, figlia di Ludovico Gonzaga; in tempi più recenti sono divenute famose Giulia Bongiorno, avvocato e parlamentare, la giornalista Giulia Innocenzi, l’attrice Giulia Lazzarini e Giulia Occhini, la celebre “Dama bianca” di Fausto Coppi. Ma il nome è celebre anche per le automobili (la Giulia e la Giulietta della Alfa Romeo) e per comparire nel titolo di molte canzoni: le più famose sono probabilmente Il mio amore con Giulia di Little Tony, Giulia di Antonello Venditti e Brava Giulia di Vasco Rossi.



A parte il già citato vezzeggiativo Giulietta, reso celebre da William Shakespeare, nelle altre lingue il nome si trasforma, infine, generalmente in Julia (inglese, olandese, portoghese, spagnolo, tedesco e molte lingue nordiche) o Julie (francese, di nuovo inglese); abbiamo così le attrici Julie Andrews, Julie Christie, Julia Roberts e Julia Stiles e la politica ucraina Julija Tymošenko. Tra le opere di narrativa non si possono non citare, per concludere, La diva Julia di William Somerset Maugham e il fumetto Julia – Le avventure di una criminologa.

 

Martina

Sacra a Marte

Martina Stoessel, interprete di ViolettaCome detto, alle spalle delle prime due posizioni si piazzano una serie di nomi ben staccati dalla coppia di testa, ma molto ravvicinati l’uno rispetto all’altro. A guadagnarsi la terza posizione è Martina, un nome decisamente in calo nel corso del quinquennio (sfiorava i 7.000 nuovi nati nel 2009, mentre nel 2013 non ha raggiunto quota 4.500) ma comunque in grado di stare ogni anno tra i primi 5 o 6 in classifica, incurante delle mode. Deriva dal nome latino Martinus, che a sua volta significa “sacro a Marte”; l’onomastico si festeggia il 30 gennaio in onore di santa Martina, vergine e martire del III secolo.

Tra le italiane più celebri a portare questo nome figurano le modelle e attrici Martina Colombari e Martina Stella, ma il nome, con la stessa scrittura e spesso anche la stessa pronuncia, è diffusissimo pure all’estero: basti pensare alle tenniste Martina Hingis (slovacca naturalizzata svizzera) e Martina Navrátilová (cecoslovacca di nascita e statunitense d’adozione) e soprattutto all’attrice e cantante argentina Martina Stoessel, celebre per aver dato il volto al personaggio televisivo Violetta.



Il nome si scrive alla maniera italiana in inglese, spagnolo, tedesco, portoghese, olandese, ceco, slovacco, danese e così via; fa eccezione il francese, lingua in cui si presenta nella forma “Martine”. Ad aver cantato questo nome in una canzone sono stati i Baustelle, col brano Martina contenuto nel discorso d’esordio Sussidiario illustrato della giovinezza del 2000.

 

Giorgia

Una contadina dalle mille varianti

La cantante GiorgiaNon è uno di quei nomi che veleggiano nelle parti alte della classifica di anno in anno, ma Giorgia, soprattutto a partire dal 2004, si è guadagnato una scelta costante da parte delle madri e dei padri italiani, tanto da diventare, complessivamente, il quarto nome più comune tra le bambine. Deriva dal latino Georgia, che a sua volta è la forma femminile del greco Geôrgios che significa “contadino”. La santa di riferimento è santa Georgia, vissuta in Francia all’inizio del VI secolo.

Sicuramente il VIP più noto a portare questo nome è la cantante Giorgia Todrani, che ha scelto il suo nome di battesimo come nome d’arte, elidendo il cognome; poi ci sono la politica Giorgia Meloni, la conduttrice Giorgia Surina, la ciclista Giorgia Bronzini e la giornalista sportiva Giorgia Rossi.

Giorgia e l'ospedale
EUR 11,90 EUR 12,48
Generalmente spedito in 24 ore
I giochi più stimolanti e
EUR 8,50 EUR 10,00
Generalmente spedito in 24 ore
L'Elfo e il pasticcio pasticcioso
EUR 10,96 EUR 11,50
Generalmente spedito in 24 ore


Il nome cambia in vari modi nelle altre lingue: in inglese si presenta in molte forme, come Georgia (che è tra l’altro il nome di uno degli stati americani e di uno stato ex sovietico), Georgina, Georgiana, Jorja, Georgie e l’abbreviazione Gina; abbiamo così la pittrice Georgia O’Keeffe e l’attrice Jorja Fox, solo per citare le più famose. In francese, infine, il nome si presenta nelle varianti Georgette e Georgine, mentre in tedesco con Georgina.

 

Sara

E tutti i nomi dal sesto al quindicesimo posto

Sara Errani durante una delle sue vittorieConcludiamo con Sara, un nome che è sempre stato tra i più scelti in Italia negli ultimi trent’anni e che anzi solo recentemente ha perso qualche posizione; un nome che è molto comune non solo nella nostra penisola ma anche in altri paesi, se è vero che pure negli Stati Uniti è da più di trent’anni tra i nomi più assegnati. L’origine è ebraica, da Sarah, che significa “principessa” o “signora”; si tratta di un nome biblico, in quanto alla moglie di Abramo e madre di Isacco, che in origine si chiamava Saray (che significherebbe “litigiosa”), venne assegnato direttamente da Dio il nuovo nome Sara. L’onomastico può essere festeggiato in tre diverse date: il 20 aprile in onore di Sara di Antiochia; il 19 agosto in onore della moglie di Abramo; infine il 27 dicembre per la beata Sára Salkaházi.

Tra le persone famose che portano questo nome bisogna citare la tennista Sara Errani, la showgirl Sara Tommasi, la giornalista Sara Carbonero, la cantante Sara Bareilles e le attrici Sara Rue e Sara Gilbert. Il nome è da sempre usato, però, anche nelle opere letterarie e nelle canzoni: solo per citare i brani musicali, portano questo titolo delle composizioni di Antonello Venditti, Pino Daniele (canzone dedicata a sua figlia Sara Daniele) e Paolo Meneguzzi. Nelle altre lingue il nome si presenta alla stessa maniera dell’italiano o, come in francese e in inglese, con l’aggiunta dell'”h” finale (Sarah); inoltre è molto diffusa l’alterazione Sally: abbiamo così le attrici Sarah Bernhardt, Sarah Michelle Gellar, Sarah Jessica Parker, Sarah Chalke e Sally Field, la nobile Sarah Ferguson e la politica Sarah Palin.



Prima di salutarvi, vi diamo anche le posizioni successive alla quinta: al sesto posto si piazza Aurora, al settimo Chiara, all’ottavo Emma, al nono Alice, al decimo Alessia, all’undicesimo Gaia, al dodicesimo Anna, al tredicesimo Francesca, al quattordicesimo Noemi e al quindicesimo Greta.

 

Segnala altri nomi di battesimo femminili diffusi in Italia negli ultimi 5 anni nei commenti.