Diventati estremamente popolari in Europa nel decennio scorso, i SUV rappresentano ormai una fetta piuttosto ampia del mercato automobilistico. Vengono cercati e acquistati per diversi motivi: danno buona abitabilità, spesso presentano finiture degne di una berlina e, soprattutto, rassicurano il guidatore, permettendogli di vedere la strada dall’alto e in un certo senso di dominarla, sentendosi al contempo al sicuro da eventuali incidenti.

Auto che vendono, nonostante la stazza e il prezzo

Certo, ci sono anche delle controindicazioni: voluminosi, difficili da parcheggiare (anche se i sensori ormai hanno attenuato di molto queste difficoltà), antieconomici nei consumi, i SUV sembrano poco adatti alla città e alla quotidianità. Inoltre, il loro prezzo di listino è spesso proibitivo. Ciononostante, hanno venduto e continuano a vendere piuttosto bene, almeno tenendo conto della crisi generale del mercato.

Quali sono però quelli che sono entrati maggiormente nel cuore degli italiani? Quali i SUV che vendono di più? Abbiamo raccolto i dati dell’ultimo anno e isolato i cinque modelli di maggior successo, di cui vi presentiamo pregi e caratteristiche. In coda, come al solito, anche una veloce panoramica sui SUV e i crossover che invece si piazzano immediatamente dopo le prime cinque posizioni.


Leggi anche: Cinque buoni crossover e SUV economici

 

1. Fiat 500X

Il SUV più venduto in Italia nel periodo a cavallo tra il 2015 e il 2016 è stata la Fiat 500X, soprattutto se si sommano le varianti a due e a quattro ruote motrici. Legata alla Jeep Renegade, di cui parleremo, per la parte progettuale, presenta rispetto alla cugina una linea più morbida e appetibile per il grande pubblico. Per il resto, la gamma di motori e di cambi è la medesima.

La cosa più bella sono però forse proprio le linee, arrotondate ma allo stesso tempo originali, che consentono comunque di limitare gli spazi e di rendere l’auto appetibile anche per chi ha bisogno di muoversi soprattutto in città. Anche gli allestimenti manifestano questa doppia anima, con certe varianti previste per la città ed altre invece per percorsi non asfaltati.

La Fiat 500X domina la classifica dei SUV più venduti in Italia
Il prezzo è competitivo, anche se gli interni in alcuni particolari potrebbero essere più rifiniti. In ogni caso l’abitacolo è comodo e spazioso, e anche il divano posteriore lascia ben soddisfatti. La presenza del motore Multijet di Fiat poi permette di risparmiare qualcosa, in alcuni allestimenti, sui consumi.

Prezzi abbordabili

Forse proprio per questa versatilità a un prezzo abbordabile la 500X ha fatto registrare lo scorso anno quasi 40.000 unità vendute. Un risultato entusiasmante, se si considera che il secondo modello in classifica – come vedremo – non arriva a quota 30.000.

A piacere al mercato è soprattutto la versione a quattro ruote motrici, più adatta ad essere usata come un SUV vero e proprio, su terreni più accidentati.

 

2. Nissan Qashqai

Al secondo posto della graduatoria troviamo il Nissan Qashqai, probabilmente il SUV più conosciuto e che negli anni scorsi ha goduto di maggior popolarità. Recentemente la casa nipponica l’ha rilanciato, migliorandone soprattutto gli interni e rendendolo più in generale maggiormente sportivo.

Rispetto al modello precedente questo nuovo Qashqai è un po’ più lungo, basso e largo, ma soprattutto mostra una maggior grinta nelle linee, sia sul frontale che sul posteriore.

La Nissan Qashqai, uno dei SUV più venduti al mondo
Il tutto senza toccare l’abitabilità, che era uno degli aspetti positivi della serie: buoni i sedili anteriori e quelli posteriori, mentre il bagagliaio da 430 litri può contenere tutto quello che realisticamente dovete portare con voi.

Piacevole da guidare

Inoltre bisogna rimarcare l’ottima tenuta di strada, le sospensioni solide, la facilità di guida sia nell’assetto sportivo che in quello normale. Se a questo si aggiunge la presenza di vari dettagli, come ad esempio la telecamera posteriore (di serie nella Tekna), abbiamo un’auto adatta a tutti e per essere guidata ovunque.

Le prestazioni sono buone e i consumi relativamente bassi, anche se non dovete pensare di poter esibirvi in una guida particolarmente brillante, a causa di uno sterzo non precisissimo. È disponibile nella versione 4×4 o a trazione anteriore; il cambio è manuale o automatico con variazione continua (CVT).

Il prezzo va dai 20.000 euro in su (in certi casi anche parecchio più in su) e i modelli venduti lo scorso anno sfiorano le 28.000 unità.

 

3. Jeep Renegade

Abbiamo detto, in apertura, che la Fiat 500X è largamente basata sul progetto della Jeep Renegade. E infatti eccolo qui, non troppo distante dalla vetta, il terzo crossover preferito dagli italiani, forte di più di 25.000 esemplari venduti tra il 2015 e il 2016.

Lanciata sul mercato prima della cugina Fiat, quest’auto è più coerente con la storia del proprio marchio, con linee più squadrate e smussate.

Il Renegade di Jeep
Lunga 4 metri e 24 centimetri, ospita tranquillamente cinque persone con un bagliaio di medie dimensioni, attorno ai 350 litri. Il prezzo è in linea con quanto richiesto dal mercato, visto che si va da poco meno di 21.000 euro fino a circa 33.000, a seconda che si scelga un allestimento più o meno completo e, soprattutto, la trazione anteriore o integrale.

La prima fabbricata (anche) in Italia

Il modello è compatto e rappresenta, sia per prezzo che per allestimenti, la vettura in un certo senso entry-level per il mondo Jeep. L’aspetto più interessante da sottolineare, però, è che la Renegade è un’auto originale anche per la sua linea produttiva.


Leggi anche: Cinque tra le migliori macchine 7 posti

Si tratta infatti del primo modello realizzato fuori dagli Stati Uniti: la sua produzione è cominciata infatti in Italia, presso gli stabilimenti di Melfi. Oggi la Jeep Renegade viene assemblata anche in Brasile e in Cina, sempre in stabilimenti della Fiat, che ha introdotto molti elementi della propria ingegneristica.

L’auto si comporta bene anche in strada, con la versione a trazione anteriore pensata quasi esclusivamente per l’asfalto e quella 4×4 che può invece viaggiare su diversi fondi. All’interno è comoda e spaziosa (soprattutto in proporzione alle dimensioni esterne), oltre che ben curata.

AUKEY Supporto Auto Smartphone
EUR 9,99 EUR 9,99
Generalmente spedito in 24 ore
TACKLIFE T6 Avviatore di Emergenza
EUR 89,99 EUR 89,99
Generalmente spedito in 24 ore
Mpow Trasmettitore FM Bluetooth,
EUR 17,99 EUR 15,99
Generalmente spedito in 24 ore

 

4. Renault Captur

Quarto posto per la Renault Captur, che ha sfiorato i 25.000 esemplari venduti, minacciando da vicino la terza posizione della Renegade. Ribattezzata informalmente “Clio crossover”, ha in effetti molto dell’utilitaria francese, perché offre le stesse motorizzazioni, anche se la carrozzeria arriva a misurare 4 metri e 12 centimetri e l’assetto è rialzato.

Nel settore dei SUV e dei crossover rimane però una delle soluzioni più compatte e, di conseguenza, anche più economiche per il portafoglio. Vi basti sapere che l’allestimento di base ve lo potete portare a casa per poco più di 16mila euro, mentre al top di gamma si arriva appena a 23.500 euro.

La Renault Captur
A questo bisogna aggiungere delle buone linee, morbide e appetibili anche per chi non è completamente sicuro di passare ad un SUV.

Per famiglie di medie dimensioni

L’abitabilità interna è discreta, grazie anche al divano scorrevole di serie, ma in cinque ci si sta senza troppo margine aggiuntivo. I dettagli sono a tratti un po’ spartani, ma i rivestimenti sono rimovibili e il bagagliaio è tutto sommato adeguato. Tutti elementi che potrebbero tornare comodi a una famiglia di medie dimensioni.

Dal punto di vista della guida, la Captur si comporta bene e si dimostra tutto sommato piacevole anche sulle curve. Non è un’auto molto pesante, almeno se paragonata alle concorrenti, e questo le permette di montare anche motori meno potenti.

L’unico vero difetto è che non ne esiste una versione a trazione integrale, cosa che limita le possibilità se la si sogna di usare come un vero e proprio fuoristrada.

 

5. Opel Mokka X

Concludiamo con la Opel Mokka X, che, tra le sue due versioni, ha piazzato sul mercato quasi 24mila auto nello scorso anno. In realtà nella statistica rientrano infatti due diverse auto, l’Opel Mokka e l’Opel Mokka X, che ha recentemente sostituito la precedente.

In entrambi i casi, però, si tratta di un crossover pensato soprattutto per la dimensione urbana, con dimensioni quasi da berlina.

La nuova versione X della Opel Mokka
Il bagagliaio infatti non è particolarmente ampio, cosa però inevitabile viste le dimensioni compatte della vettura, che non supera i 430 centimetri di lunghezza. All’interno vi stanno quattro adulti ma probabilmente non cinque, anche se questa parziale scomodità viene compensata da una buona tenuta di strada (anche sulle curve) e da una certa piacevolezza di guida.

Una nuova linea

La versione X si differenzia poi soprattutto per la linea, che è diventata più grintosa soprattutto nella zona anteriore. Inoltre, nonostante la sua indole cittadina, può essere guidata anche su strade dissestate, in particolare se si opta per la versione a trazione integrale, disponibile con i motori da 140 cavalli in su.

Il prezzo parta da appena al di sotto dei 20mila euro per salire fino a oltre 28mila nel caso degli allestimenti più completi. Oltre alle classiche versioni a benzina e diesel, è da segnalarne anche una a doppia alimentazione (col GPL).

Infine, concludiamo come al solito con l’elenco dei SUV che si piazzano immediatamente dopo il quinto posto. Alla sesta posizione della graduatoria troviamo la Peugeot 2008, alla settima l’economica Dacia Duster e all’ottava la Kia Sportage. Chiudono l’elenco la Ford Ecosport, al nono posto, e l’Audi Q3 al decimo.

 

 

Segnala altri SUV molto venduti in Italia nei commenti.