In Israele hanno insegnato a dei batteri a cibarsi di CO₂

Arriva una bella notizia per l’ambiente: un gruppo di scienziati israeliani è riuscito infatti a modificare i geni di alcuni microrganismi, cambiandone la dieta; i batteri, infatti, sono stati istruiti a cibarsi d’ora in poi di diossido di carbonio, ovvero l’anidride carbonica.

La notizia potrebbe essere di grande importanza per il futuro del pianeta, visto che l’emissione e l’accumulo di CO₂ è una delle cause del surriscaldamento ambientale e di diversi problemi ambientali. Un risultato, comunque, raggiunto dopo molti anni di ricerche e di investimenti.

Un gruppo di batteri
La notizia e lo studio sono comparsi in questi giorni sulla prestigiosa rivista Cell, in un articolo formato dal dottor Ron Milo del Weizmann Institute of Science e dal suo staff. Milo e soci hanno lavorato soprattutto sul DNA dei batteri, ma hanno anche sfruttato alcuni meccanismi evolutivi.

Dopo aver studiato il codice genetico dei microrganismi, infatti, i ricercatori si sono accorti che alcuni degli elementi di cui avevano bisogno erano già presenti nel genoma dei batteri. A quel punto, oltre alle modificazioni genetiche, si è dovuto quindi lavorare soprattutto sull’adattamento.

Ai batteri sono state infatti gradualmente calate le dosi di zuccheri con cui erano abituati ad alimentarsi, in modo che fossero un po’ alla volta costretti a cibarsi di CO₂. I microrganismi un po’ alla volta, e soprattutto nel giro di qualche generazione, hanno così sviluppato quasi autonomamente la nuova dieta, fino a trovarla naturale.