Modena ha concesso la cittadinanza onoraria a 216 bambini

Nei giorni scorsi il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, ha concesso la cittadinanza onoraria della città a 216 bambini nati nel 2009 da genitori stranieri. La cittadinanza assegnata a chi ha 10 anni e ha frequentato le scuole in città non è però una novità, visto che l’anno scorso era stata data ai nati del 2008.

I bambini in questione provengono da famiglie filippine, marocchine, cinesi, ghanesi, albanesi, moldave, turche, rumene, pakistane, ucraine, algerine, etiopi, senegalesi e peruviane. Essendo figli di stranieri non godono della cittadinanza italiana, anche se hanno frequentato le scuole della città fin dalla prima infanzia.

Il Comune di Modena da tempo ha deciso di istituire quindi una sorta di ius culturae: «Il fatto che sia il quinto anno che ci incontriamo conferma la volontà dell’amministrazione di Modena di insistere sulla via della promozione dell’eguaglianza e dei diritti – ha affermato il sindaco – ma è anche il segno che non abbiamo raggiunto il traguardo».

E sul sito del Comune si legge: «Tutti i bambini nati qui e cresciuti insieme frequentando le stesse scuole hanno uguali diritti e doveri di cittadinanza. Un’uguaglianza che il Comune e il Consiglio comunale di Modena intendono ribadire anche attraverso un gesto simbolico che riveste grande rilevanza politica».

Alla cerimonia di assegnazione della cittadinanza hanno preso parte anche il presidente dell’Unicef di Modena, Lorenzo Iughetti, e il presidente del Consiglio comunale della città, Fabio Poggi.

   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here