Oltre il PD: i partiti di sinistra italiani nelle diramazioni recenti

Qualche giorno fa il segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, ha annunciato l’ennesima svolta della sinistra italiana. Ha cioè presentato alla stampa l’intenzione di riformare o addirittura rifondare il PD, trasformandolo in qualcosa di nuovo, anche se non è ancora dato sapere cosa.

Per la verità, negli ultimi trent’anni di svolte di questo tipo ne abbiamo viste parecchie, sia a sinistra che a destra. Ogni volta l’intenzione è sembrata quella di allinearsi alle nuove istanze della società civile, e ogni volta però puntualmente questi progetti si sono rivelati, alla lunga, fallimentari.

I partiti della sinistra italiana dagli anni '90 ad oggi

Forse Zingaretti avrà più fortuna dei suoi predecessori (come Achille Occhetto, Romano Prodi, Walter Veltroni, Matteo Renzi ed altri), ma noi abbiamo comunque colto la palla al balzo per fare di nuovo il punto sulla situazione. Ovvero: cercare di districare la matassa della sinistra italiana dalla Prima Repubblica ad oggi.
 

Nell’infografica che vedete qui sopra, infatti, abbiamo ricostruito quello che è accaduto alle due principali famiglie della sinistra del dopoguerra, quella comunista e quella socialista. Tra scissioni, fusioni e rifondazioni, infatti, è facile perdersi.

Abbiamo ovviamente dovuto tralasciare molte formazioni minori, ma per darvi una panoramica più completa abbiamo anche inserito le percentuali a cui quei partiti, dalla fine degli anni ’80 in poi, sono mediamente arrivati durante le elezioni. L’infografica può essere condivisa menzionando la fonte.