Il signor Rossi e la Costituzione