Avrete sicuramente letto, nei mesi scorsi, la polemica attorno alla cessione del ramo libri di RCS a Mondadori. L’affare ha avuto pesanti strascichi su tutte le case editrici italiane, e il suo effetto non si è ancora concluso anche se le conseguenze di medio e lungo periodo si potranno vedere solo tra qualche anno.

Di sicuro Mondadori, che già era il primo gruppo editoriale italiano, ora è ancora più potente, vicina a controllare una quota non troppo lontana dalla metà dell’intero mercato librario italiano.

Quali sono, però, al di là di questo le sigle più grosse del settore? Quali le case editrici più importanti in Italia? La domanda non è fine a se stessa. Conoscere gli editori principali – e da chi sono controllati – aiuta infatti a comprendere il mercato letterario italiano. E conoscere il mercato aiuta a capire quali libri vengono pubblicati, e come.

Il mercato e la vitalità delle case editrici italiane

Che siate lettori in cerca di qualcosa di nuovo o scrittori emergenti che vogliono trovare qualcuno che dia loro fiducia (e a cui inviare un manoscritto), conoscere l’elenco dei principali gruppi che pubblicano libri è di vitale importanza. Anche perché ogni editore ha il suo mercato.

I libri Adelphi sono sempre immediatamente riconoscibili, come questo L'impronta dell'editore di Roberto CalassoCi sono infatti le case generaliste, come Mondadori, Rizzoli, Feltrinelli, Einaudi, Giunti, Longanesi e così via, che pubblicano un po’ di tutto. Ce ne sono invece di specializzate in certi settori della narrativa, come Adelphi, Salani, Piemme, Fanucci. Senza contare quelle che si occupano quasi esclusivamente di saggistica, come Bollati Boringhieri, UTET, Laterza.

E poi ci sono i gusti dei lettori, la fiducia che questi hanno nei confronti di un marchio. Adelphi, solo per fare un esempio, è una casa editrice che non può competere, a livello di numeri, con Mondadori. Ma è allo stesso tempo una sigla che ha un significato profondo nel cuore dei lettori. Chi compra Adelphi sa cosa compra, cosa che non sempre si può dire di chi compra Mondadori.

 
Le case editrici, insomma, hanno una loro storia, un loro pubblico, un loro prestigio. Ognuna nel corso degli anni si è formata una propria identità, che l’ha portata a dominare in certi settori del mercato e ad essere più debole in altri. E, per conoscerle, non c’è niente di meglio di un sondaggio tra i lettori. Lettori come quelli che affollano le pagine del nostro sito.

Abbiamo quindi selezionato le trenta case editrici che pubblicano il maggior numero di volumi all’anno (escludendo l’editoria scolastica) e ve le elenchiamo qui di seguito. Votate le vostre cinque preferite.

Se poi volete approfondire l’argomento, potete leggere questi nostri articoli al riguardo:
I cinque e-reader più venduti in Italia e nel mondo
Cinque interessanti social network dei libri
Come scrivere un libro: la guida base per iniziare a lavorare al vostro romanzo


Vieni a votare anche nei nostri altri sondaggi