Trento è la città in cui si vive meglio, seconda Pordenone

ItaliaOggi e l’Università La Sapienza di Roma hanno rilasciato nei giorni scorsi la loro annuale classifica delle città italiane in cui si vive meglio, realizzata in collaborazione con Cattolica Assicurazioni. Quest’anno la prestigiosa graduatoria ha visto vincere Trento, con Pordenone al secondo posto e Sondrio al terzo.

In generale, è stato un trionfo per le città del centro-nord e soprattutto per quelle del nord-est e del nord-ovest. Basta leggere la lista delle prime dieci per rendersene conto: dopo Trento, Pordenone e Sondrio ci sono infatti Verbano-Cusio-Ossola, Belluno, Aosta, Treviso, Cuneo, Udine e Bolzano.

Uno scorcio di Trento
Nessuna grande metropoli nella top ten, quindi. Per incontrare la prima bisogna scendere al 13° posto di Bologna, comunque in grande crescita (un anno fa era al 43°). Milano è invece ventinovesima, Torino quarantanovesima, Roma settantaseiesima, Napoli prossima al fondo, al 104° posto.

In generale, quindi, sono le città medio-piccole a garantire una qualità della vita migliore, soprattutto se si trovano al nord. La prima città del sud in classifica è Potenza, al sessantanovesimo posto, seguita subito dopo da Matera. Nel sud e nelle isole abbiamo invece ben 35 province su 38 in cui, purtroppo, la qualità della vita è giudicata insufficiente.

Nelle graduatorie parziali, infine, bisogna segnalare che negli affari la prima città è Bolzano mentre la seconda è Bologna, nell’ambiente emerge Sondrio mentre nella sicurezza il primo posto spetta a Pordenone. Per quanto riguarda la cultura la palma d’oro va ancora a Bologna, per la salute a Isernia e per il tempo libero a Siena.

   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here