Trento è la città più green d’Italia (davanti a Mantova e Bolzano)

È stata diramata in questi giorni la classifica di Ecosistema Urbano, che misura la qualità ambientale di tutti i capoluoghi di provincia in Italia. A chiudere al primo posto, con 81,20 punti su 100 disponibili, è stata la città di Trento, seguita a breve distanza da Mantova e Bolzano.

Una vittoria che è merito di un lungo percorso, perché questi capoluoghi investono da anni sull’ambiente, sul risparmio energetico e sulla raccolta differenziata e quindi si trovano spesso nelle parti alte della classifica (Mantova l’anno scorso era prima).

Uno scorcio di Trento
Nella graduatoria stilata da Legambiente e Ambiente Italia seguono poi Pordenone (4° posto), Parma (5°), Pesaro (6°), Treviso (7°), Belluno (8°), Oristano (9°) e Ferrara (10°). Tra gli indicatori esaminati ci sono il tasso di motorizzazione, il numero di piste ciclabili, la capacità di depurazione, il livello di Pm10 e ozono, il numero di alberi e così via.

Chiudiamo, però, anche con una nota negativa, che riguarda soprattutto le parti basse della graduatoria. C’è infatti anche un rovescio della medaglia, in questa classifica, che riguarda soprattutto da un lato le grandi metropoli e dall’altro le città del meridione.

Tra le metropoli, vanno molto male Palermo (100° posto), Roma e Napoli (pari all’89°), Torino (88°) e Bari (87°); si salvano solo Bologna (13°) e Firenze (24°). In generale, però, è tutto il sud a destare preoccupazione: a parte le eccezioni di Oristano (9°) e Cosenza (14°), è perennemente surclassato dal nord.