Un uomo paralizzato è riuscito a camminare con un esoscheletro

Dalla Francia arriva una notizia molto bella, non solo per quello che racconta ma anche per le prospettive che apre. Gli esperti dell’ospedale Grenoble Alpes sono riusciti infatti a far tornare a camminare un giovane uomo paralizzato dalle spalle in giù grazie ad un esoscheletro sperimentale comandato dal cervello.

L’uomo in questione si chiama Thibault, ha 28 anni ed è originario di Lione. Quattro anni fa, a causa di una caduta da un balcone alto 12 metri, ha perso il controllo sul proprio corpo per via di un danno al midollo spinale. Negli ultimi mesi, però, gli è stata offerta una nuova speranza.

Brain waves breakthrough: Mind-reading computer enables paralysed man to walk

Un team di ricercatori infatti da tempo stava lavorando ad un esoscheletro che fosse comandabile tramite gli impulsi del cervello. Thibault è stato così istruito sul funzionamento della macchina e si è dovuto allenare per mesi ad un simulatore computerizzato, quasi dovesse reimparare a camminare.

I risultati sono stati però ottimi e lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Lancet (qui l’articolo originale). Ora si aprono inoltre diverse prospettive, perché questo caso dimostra che anche dopo lesioni molto importanti il cervello continua a mandare gli impulsi necessari a far muovere gli arti.

L’esoscheletro usato a Grenoble è solo un prototipo e ci vorranno anni prima che un robot del genere possa essere commercializzato. Ciononostante, gli studiosi ritengono che si potrà presto arrivare a sedie a rotelle comandate mentalmente dai pazienti.