Una chiesa e una moschea alleate per dare cibo agli indigenti

Da New York in queste feste natalizie arriva una bella notizia di solidarietà e dialogo interreligioso. Una chiesa e una moschea, infatti, si sono alleate per fornire pasti caldi ai poveri della città e un check-up medico gratuito in occasione del Natale.

Le due comunità coinvolte sono state quella della Chiesa metodista di Westbury e del Centro islamico di Long Island, che già da tempo fornivano aiuto agli indigenti, ma ognuna per conto proprio. Quest’anno hanno invece deciso di unire le forze, potendo così “potenziare” il servizio.

Una chiesa e una moschea alleate per dare da mangiare ai poveri
Oltre al cibo, sono infatti stati in grado di offrire un controllo medico gratuito, grazie all’apporto di volontari che appartengono ad entrambe le comunità; un controllo medico che è particolarmente importante, visto che il sistema sanitario americano copre solo in minima parte le esigenze di salute dei barboni.

Inoltre, l’alleanza tra le due comunità ha anche un valore simbolico, oltre che pratico: quello di mostrare – come hanno spiegato alcuni volontari – che la religione non serve per creare confini e divisioni, ma per aiutare gli esseri umani, di qualunque fede essi siano.

La speranza è che ora l’esempio di queste due comunità possa ispirare altri a fare lo stesso, non solo a New York. Si stima che i senzatetto in America siano più di mezzo milione di persone, pari quasi allo 0,2% della popolazione; ma ovviamente essi sono concentrati principalmente nelle grandi metropoli.